This content is not available in your region

Polonia, centinaia di migranti respinti al confine. Ue: "Lukashenko destabilizzatore"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Czarek Sokolowski/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Svariate centinaia di migranti (molti dei quali donne e bambini) sono giunti a piedi al confine tra Polonia e Bielorussia con l'intento di chiedere asilo politico a Varsavia, ma sono stati respinti dagli agenti polacchi.

Riunita l'unità di crisi nazionale per stabilire un piano d'azione, alla presenza del ministro Pawel Soloch.

"Assistiamo alla continuazione del tentativo disperato del regime di Lukashenko di destabilizzare l'Unione europea", tuona il portavoce della Commissione europea, Jahnz.

Secondo quest'ultimo, "nelle ultime settimane Varsavia ha riferito di 3.000 attraversamenti illegali del confine ogni settimana".

##

Al confine, sono schierate le unità anti-terrorismo per fronteggiare l'arrivo dei tantissimi richiedenti asilo.

"Siamo pronti a difendere la frontiera, ribadisce a mezzo social il ministro della Difesa, Mariausz Blaszczak, rimarcando che in zona sono dispiegati ben 12.000 soldati.

Czarek Sokolowski/Associated Press
AP PhotoCzarek Sokolowski/Associated Press

Finanziare muri?

Con l'intensificarsi della situazione al confine dell'Ue con la Bielorussia, anche Bruxelles chiede di finanziare muri di confine volti a fermare gli attraversamenti illegali dei migranti.

Da mesi ormai, un gran numero di persone dal Medio Oriente e dall'Africa sta cercando di entrare in Polonia, Lituania e Lettonia dalla vicina Bielorussia, portando le autorità a reagire con mano ferma.

Sotto accusa il presidente bielorusso, Alexander Lukashenko, e la Russia di incoraggiare la migrazione a innescare instabilità all'interno dell'intera Ue, definendola "guerra ibrida".

Ma sono loro stessi accusati di respingimenti di migranti illegali e, nel caso della Polonia, di imporre uno stato di emergenza alla frontiera che ha impedito agli operatori per i diritti umani di recarsi lì per aiutare, nonché un blackout dei media.

Migranti e richiedenti asilo, che intraprendono questa nuova rotta migratoria, stanno finendo intrappolati tra le frontiere, il che dimostra perché molti stanno prendendo in considerazione la costruzione di muri di confine.

Il Senato polacco ha recentemente approvato un piano per costruire una tale barriera al confine con la Bielorussia, ma vuole aiuti finanziari dall'Ue.

Opinioni modificate

A ottobre, 12 Stati membri, tra cui Polonia, Lituania e Lettonia, hanno inviato una lettera di quattro pagine invitando la Commissione europea a finanziare "in modo più e adeguato" le barriere fisiche ai confini dell'Unione come "questione prioritaria", in risposta all'escalation che ha visto più di 12.000 tentativi di attraversare la frontiera polacca, secondo le autorità di frontiera del Paese.

La mossa dimostra un'enorme "inversione ad u" sull'idea di costruire muri alle frontiere esterne del blocco, politicamente impensabile solo pochi anni fa.

Anche i deputati considerati più moderati chiedono a Bruxelles di sborsare i fondi.

"L'Unione europea dovrebbe prendere il prima possibile una decisione sul finanziamento delle installazioni di confine", ha detto l'eurodeputato lituano Petras Auštrevičius.

"Non possiamo cambiare il comportamento di Lukashenko, ecco perché è meglio fare le cose dalla nostra parte in modo corretto (costruendo un muro di confine)", ha aggiunto.

Ma non tutti la pensano allo stesso modo: altri legislatori europei affermano che la soluzione è imporre più sanzioni al regime di Lukashenko e aumentare la pressione in altri modi.

"Quello che possiamo fare ora dall'Unione europea è continuare a imporre sanzioni sempre più dure alla Bielorussia per sostenere tutte le ONG, le forze politiche che hanno lavorato per la democrazia e la libertà nel Paese", dice ad Euronews Karin Karlsboro, vicepresidente del Parlamento e responsabile delle relazioni con la Bielorussia.

"Non è abbastanza - ha aggiunto - dobbiamo continuare a fare pressione politicamente sul regime di Lukashenko.

Quest'anno abbiamo discusso dell'organizzazione del campionato di hockey su ghiaccio in Bielorussia: abbiamo avuto l'Eurovision Song Contest, sarebbe assurdo avere come partner il canale di propaganda di Lukashenko: ora sono stati espulsi dalla cooperazione europea per la TV e le trasmissioni, il che è super positivo, ci sono molte cose che si possono fare politicamente nei confronti delle istituzioni e di altre forme di cooperazione".

La "rivalsa" di Orbán

L'idea di muri di confine finanziati dall'Unione europea non è tuttavia nuova: nel 2017, il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha chiesto a Bruxelles di pagare la metà dei costi di una "recinzione anti-migranti" che il suo Paese ha eretto nel 2015 per fermare i flussi dalla Serbia e dalla Croazia, sostenendo che aveva quasi eliminato l'immigrazione illegale e come risultato che protegge l'intera Unione europea.

La richiesta è stata accolta con un sonoro “no” dalla Commissione europea, che non ha ancora cambiato opinione, ripetendo che non finanzierà alcun filo spinato o recinzione.

Parlando il mese scorso, il ministro degli esteri ungherese, Péter Szijjártó, ha affermato che il suo Paese è stato "duramente attaccato" sei anni fa per aver costruito il suo muro di confine e che ora la Lituania e la Polonia sono "molto elogiate".

"Penso che sei anni fa abbiamo preso la decisione giusta: le recinzioni si sono rivelate indispensabili per proteggere efficacemente le frontiere e il continente europeo nel suo insieme", ha aggiunto.

L'Ungheria sentirà sicuramente un certo livello di rivendicazione, ma per molti a Bruxelles la situazione con la Bielorussia è diversa rispetto all'Ungheria.

A quel tempo, i migranti fuggivano dalla guerra e dalla povertà, tentando di attraversare l'Europa su una scala senza precedenti.

L'europarlamentare lituano Petras Auštrevičius, che in precedenza non ha sostenuto gli sforzi di finanziamento dell'Unione appannaggio di Orbán, afferma che questa volta non è la stessa cosa, poiché Lukashenko sta armando la migrazione.

“Stiamo assistendo a una situazione completamente nuova: Lukashenko ha armato i migranti e la migrazione, lo ha fatto apposta, è qualcosa di diverso”, afferma ai microfoni di Euronews.

“Quando i migranti vengono armati, quando sferrano attacchi ibridi usando i migranti dobbiamo rispondere in modo proporzionale e dobbiamo rispondere in modo efficace: ecco perché, al momento, un muro di confine è la risposta giusta”.

Anche Manfred Weber, presidente del più potente raggruppamento politico del Parlamento europeo, il Partito popolare, afferma che "i Paesi che chiedono il sostegno dell'Unione per erigere recinzioni in aree di confine sensibili debbono essere ascoltati", rappresentando un grande cambiamento di pensiero sulla questione.

Tuttavia, l'amletico dubbio ora è il seguente: mentre le opinioni europee sui muri di confine cambiano lentamente, anche Bruxelles cambierà idea?