This content is not available in your region

Visita di eurodeputati a Taiwan fa infuriare Pechino

Access to the comments Commenti
Di Chris Pritchards
euronews_icons_loading
Visita di eurodeputati a Taiwan fa infuriare Pechino
Diritti d'autore  Twitter account of Taiwan Ministry of Foreign Affairs

Una delegazione di sette eurodeputati è in visita a Taiwan. Si tratta di una mossa controversa di cui il governo cinese ha espresso disapprovazione, data la natura estremamente delicata delle relazioni di Taipei con la Cina.

Pechino rivendica la sovranità sull'isola. La delegazione ha incontrato il Primo Ministro taiwanese.

Così Raphaël Glucksmann, presidente della commissione speciale del Parlamento europeo sull'interferenza straniera in tutti i processi democratici (INGE): "Penso che il mondo non abbia capito abbastanza quanto sia difficile e coraggioso costruire una democrazia mentre si è minacciati da un regime autoritario, come quello di Pechino".

All'inizio di quest'anno, Pechino ha imposto sanzioni ai parlamentari dell'UE dopo che Bruxelles ha sanzionato funzionari del regime comunista legati all'incarcerazione forzata, al lavoro e al genocidio della comunità musulmana uigura nello Xinjiang.

I deputati affermano che la visita è necessaria per costruire relazioni con le democrazie vicine alla Cina che hanno preoccupazioni simili riguardo alla sua interferenza politica e disinformazione.

Dice Mikko Huotari, Direttore Esecutivo Merics: “È chiaramente un segnale che alcune parti della macchina di Bruxelles prendono molto più seriamente il caso di Taiwan in questi giorni. È anche un'espressione di preoccupazione per l'Europa. Una preoccupazione diffusa per le tensioni che stanno aumentando nello stretto di Taiwan tra la Cina continentale e l'isola. E poi penso che sia anche chiaramente qualcosa che susciterà l'attenzione di Pechino, e dovremo aspettarci risposte da Pechino che dicano agli europei che questo deve finire e che è una violazione del principio di una sola Cina”.

Il governo cinese afferma che la visita "violerebbe gravemente l'impegno dell'UE nei confronti della cosiddetta politica di una sola Cina e minerebbe il sano sviluppo delle relazioni Pechino-Bruxelles".

Taiwan ha sempre più cercato di espandere i suoi sforzi diplomatici in Europa. Il suo ministro degli Esteri ha visitato Bruxelles la scorsa settimana dove ha incontrato deputati e membri del parlamento belga, ma non è riuscito a incontrare i presidenti della Commissione europea e del Consiglio... un'indicazione di quanto siano profonde le tensioni nelle relazioni UE-Cina.