This content is not available in your region

Il viaggio dello scrittore Emmanuel Carrère nell'inferno del Bataclan

Access to the comments Commenti
Di Maxime Biosse Duplan  & Euronews
euronews_icons_loading
Il viaggio dello scrittore Emmanuel Carrère nell'inferno del Bataclan
Diritti d'autore  euronews

Scrittore, giornalista e anche regista, Emmanuel Carrère è uno dei più importanti autori francesi contemporanei.

Il suo viaggio ai confini tra letteratura, giornalismo e cinema, è stato insignito con il Premio Principessa delle Asturie 2021 per la letteratura: un riconoscimento per una carriera tanto rinomata quanto controversa.

Come nel caso dell'ultimo libro - un'opera che oscilla tra racconto personale e tematiche di respiro sociale - in cui Carrère continua la sua ricerca introspettiva, mettendo insieme gli spunti offerti dalla pratica della meditazione, dal percorso segnato dalla grave depressione di cui ha sofferto e dagli attacchi a 'Charlie Hebdo'.

Libertà di espressione e/o libertà religiosa

Nel suo ultimo libro, "Yoga", lei parla degli attacchi a 'Charlie Hebdo'. Irrompono all'improvviso nella sua storia. Forse lei ha anche partecipato, o almeno seguito, gli omaggi resi a Samuel Paty, il professore assassinato per aver mostrato vignette di Maometto durante un corso sulla libertà di espressione. Come si concilia questa sacrosanta libertà di espressione con la necessaria libertà religiosa, che è un'altra libertà? È possibile criticare una religione? Come è possibile bestemmiare senza insultare gli altri?

"Questa è una grande domanda. Certo, il diritto alla blasfemia è assolutamente parte della nostra tradizione repubblicana e anche di quella pre-repubblicana. Voltaire lo cita, per esempio. Tendo a considerarlo inalienabile. Il rischio di offesa è incluso in esso. Se diciamo, naturalmente, che dobbiamo avere l'uno pur tenendo conto dell'altro, nonostante tutto, quello che favorisco tra i due è la libertà di pensiero e di espressione. Quindi ovviamente ti sto dando una risposta ambivalente, ma al di là di tutto sono piuttosto dalla parte della libertà di espressione a tutti i costi, sì".

Il processo per gli attentati al Bataclan

Oggi sta seguendo, per un settimanale francese, come editorialista, il processo per gli attentati del novembre 2015. È questo il soggetto del suo prossimo libro? Se sì, sa già che forma prenderà, avrà il coraggio di mescolare la fiction, o anche l'autofiction, con questa realtà molto dura degli attentati al Bataclan, che è diventata di fatto una ferita nazionale?

"Non sono affatto sicuro che questo lavoro si tradurrà in un libro, ma è molto possibile, nonostante tutto ce l'ho in testa. Senza però avere la minima idea della forma che potrebbe prendere perché, vede, siamo all'inizio e sarebbe totalmente prematuro. Poi aggiungerci, iniettare fiction o docu-fiction, è qualcosa che non ho mai fatto! Quando ad esempio ho scritto "L'avversario", non c'era la minima finzione!".

Cosa conserva di questo primo mese di processo, qual è l'impressione generale che ha?

"Quello che finirà dopo questa prima fase è un periodo molto particolare: la sequenza delle testimonianze delle parti civili che, come diciamo noi, sono i sopravvissuti, i superstiti, le famiglie delle vittime. Quindi, tutto questo è di estrema intensità emotiva. Significa che siamo tutti distrutti, tutte le persone che seguono il processo: andiamo a casa, abbiamo una specie di crisi di pianto, è qualcosa di terribile, quello a cui stiamo assistendo.

È una cosa terribile, ma non solo. Voglio dire, assistiamo anche a momenti di eccezionale e ammirevole umanità. E ora, dalla fine della prossima settimana, o da quella successiva, passeremo all'interrogatorio degli imputati, quindi ci muoveremo in una dimensione completamente diversa del processo. È molto sorprendente, un processo del genere, perché abbiamo l'impressione che in nove mesi si cerchi di spiegare, in tutte le direzioni e da tutte le angolazioni, quello che è successo in poche ore la notte del 13 novembre. È qualcosa di estremamente provante emotivamente, ma anche costantemente emozionante".

THOMAS COEX/AFP or licensors
Davanti alla targa commemorativa delle vittime dell'attentato al BataclanTHOMAS COEX/AFP or licensors

Il Bataclan è una ferita aperta: cosa aspettarsi dal processo

E, alla fine, cosa si aspetta da questo processo, se possiamo aspettarci qualcosa in particolare?

"È interessante perché la domanda che lei fa è la domanda che viene effettivamente posta a ciascuna delle parti civili. Alla fine ognuno risponde alla domanda 'Cosa ti aspetti dal processo?' Le risposte, che posso fare mie, sono che si deve fare giustizia.

Significa che ci devono essere sentenze proporzionate agli atti, sapendo che le persone che sono sul banco degli imputati non sono quelle che hanno ucciso; questo non le scagiona affatto, ma non sono loro che hanno ucciso, perché i killer sono tutti morti.

Significa anche che la giustizia deve essere fatta secondo le norme di legge, come se fosse l'onore di un tale processo assicurarsi che vada bene, che gli imputati siano ben difesi. Tutti lo esigono, comprese le persone che sono state maggiormente ferite.

Significa che è importante capire un po' meglio le cose per aiutare a prevenire altri attacchi; bene, anche se ci credo solo a metà. E poi quello che alcuni dicono ed è in fondo forse quello che mi resta di più: creare una sorta di narrazione collettiva di questo evento. Quindi forse è una sorta di deformazione professionale".

La narrazione è un obiettivo condiviso

È il punto di vista dello scrittore

"Sì, ma non è solo il mio punto di vista. È anche quello di molte persone che testimoniano, dicono che anche per loro è uno degli aspetti importanti perché ognuno ha la sua storia e il fatto di sentire tutte le altre è molto importante e prezioso. Insomma, non è solo la mia deformazione professionale che dà tanta importanza a questa dimensione.

Ultima domanda: Lao-tzu avrebbe detto 'La meta non è la meta, la meta è il cammino'. Penso che lei conosca questa citazione

"La conosco e la sottoscrivo pienamente".

Quindi, a che punto è del suo percorso?

"Beh, diciamo che sto sempre camminando, e che sto sbattendo, e zoppicando, è un po' il nostro destino. Questo ci riporta all'inizio di questa conversazione, al desiderio di migliorare un po', e nel farlo, migliorare un po' le cose intorno a sé. È un'ambizione modesta e immensa allo stesso tempo".