ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Puigdemont, estradizione sospesa (attendendo il giudizio della Corte europea)

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Francesca Salaris/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

A dieci giorni dall’arresto di Carles Puigdemont ad Alghero, la Corte d'Appello di Sassari ha sospeso la richiesta di estradizione avanzata dalle autorità spagnole, nell'attesa che vengano definite le questioni preliminari davanti alla Corte europea.

A riferirlo è il legale di Puigdemont in Sardegna, Agostinangelo Marras: l'ex governatore della Catalogna è dunque libero di tornare a Bruxelles.

La richiesta di sospensione dell’estradizione è stata ratificata dal collegio giudicante in poco meno di due ore.

L'omaggio a Falcone

Puigdemont ha quindi twittato una foto che mostra la targa dell'aula intitolata a Giovanni Falcone, commentando: "Da un'aula che porta questo nome non poteva uscire che una decisione giusta".

L'ex presidente catalano è arrivato in Sardegna accompagnato dagli altri due europarlamentari (Toni Comín e Clara Ponsatí) per i quali il Tribunale spagnolo aveva diramato altrettanti ordini d'arresto.

I tre erano stati calorosamente accolti con bandiere identitarie: quelle a strisce gialle e rosse catalane, i quattro mori sardi, il moro della Corsica, finanche quella della Nuova Caledonia, impegnata in un nuovo referendum per l’indipendenza dalla Francia, il prossimo dicembre.

Riccardo Pareggiani/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoRiccardo Pareggiani/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Si trattava del medesimo mandato d’arresto del 2019, in cui era accusato di sedizione e malversazione di fondi pubblici in riferimento al referendum sull’indipendenza della Catalogna.

Puigdemont aveva anche presentato ricorso con procedura d’urgenza per ottenere nuovamente l’immunità da europarlamentare, tuttavia la sospensione era stata confermata dal Tribunale dell’Unione europea.