ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Da Kabul a Rota, la nuova vita dei profughi afghani diretti negli Usa

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Da Kabul a Rota, la nuova vita dei profughi afghani diretti negli Usa
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

I rifugiati afghani trasferiti in Spagna hanno trovato accoglienza temporanea nella base staunitense di Rota, sulle coste atlantiche del'Andalusia. Al loro arrivo le associazioni locali si sono mobilitate per assicurargli l'aiuto raccolto grazie alla buona volontà della popolazione. "Vogliamo aiutare in particolare le donne che vengono sottomesse", dichiara una volontaria.

L'arrivo degli afghani, preceduto dalle tristi immagini dell'aeroportodi Kabul, ha sollevato un moto di solidarietà da parte degli abitanti del posto, che hanno donato generi di prima necessità. Luisa Fernandez, assessora ai Servizi sociali del comune di Rota, racconta di come molti cittadini si siano messi in contatto con l'assesorato per sapere come fare a rendersi utili, in previsione di quello che stava per arrivare.

Le donazioni hanno cosi superato ogni previsione, e sono attualmente depositate in un ambiente della base militare. Da qui verranno distribuite tenendo conto delle richieste, come spiega la responsabile delle iniziative sociali della base di Rota: "La maggior parte delle richieste riguarda scarpe, magliette, pantaloni, davvero solo necessità di base".

Carlos Marlasca: "Questo è il luogo dove arrivano gli aiuti. Per il rispetto della privacy non è permesso filmare i rifugiati, ma siamo stati con loro e abbiamo visto il contrasto tra le immagini di terrore all'aeroporto di Kabul e quelle dei bambini che qui vanno in bicicletta o giocano a calcio, o degli adulti che passano il tempo chiaccherando. Non sanno ancora cosa sarà delle loro vite nel futuro, ma è chiaro che la loro nuova destinazione, gli Stati Uniti, equivalga alla promessa di un futuro di tranquillità".

Finora nella base di Rota sono atterrati una quarantina di aerei provenienti dall'Afghanistan. E sono almeno 750 gli afghani che ora sono in attesa di poter attraversare l'Atlantico. La gestione delle attività da parte del comando statunitense si avvale della collaborazione fornita dall'esercito spagnolo. David Baird, comandante militare statunitense per la Spagna, parla di "straordinaria partnership". Secondo molti, con la riapertura operativa dell'aeroporto nella capitale afghana è possibile che a Rota arrivino ancora altri aerei e nuovi profughi.