San Pietroburgo, la beffa dei cloni infiamma la campagna elettorale

San Pietroburgo, la beffa dei cloni infiamma la campagna elettorale
Diritti d'autore AFP (Videostandbild)
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Candidato dell'opposizione denuncia la creazione di candidati cloni per confondere le acque in campagna elettorale

PUBBLICITÀ

Non è cinema, non è letteratura, è la campagna elettorale senza esclusione di colpi per le elezioni amministrative di San Pietroburgo. Boris Vishnevsk, candidato dell'opposizione, denuncia una situazione a dir poco grottesca. 

Tre candidati,  tutti somiglianti, calvi e con una corta barba sale e pepe, ma soprattutto tutti con lo **stesso nome. **

Vishnevsky ha pubblicato una foto del manifesto elettorale su Twitter e ha detto di aver presentato una denuncia ufficiale.

Nella denuncia, ha esortato la Commissione elettorale centrale a esaminare la questione e mostrando  che le immagini ufficiali dei suoi competitor erano state photoshoppate.

"Credo che ci sia una manipolazione il cui unico obiettivo è quello di distorcere la volontà degli elettori", ha scritto Vishnevsky nel suo appello.

 Ella Pamfilova, capo della commissione elettorale centrale della Russia ha definito la situazione "una vergogna" ma davanti a questo stratagemma ha dovuto alzare le mani in segno di resa limitandosi ad appellarsi alla coscienza dei candidati replicanti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, il partito pro-Cremlino al 45% negli exit poll

Bielorussia, Ue condanna processo farsa per Kolesnikova e ne chiede il rilascio immediato

Atleta bielorussia rifugiatasi nell'ambasciata polacca: "Mi preoccupa la mia sicurezza"