ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vaccini nei supermercati, così Bruxelles punta all'immunità di gregge

Access to the comments Commenti
Di Bryan Carter
euronews_icons_loading
Vaccini nei supermercati, così Bruxelles punta all'immunità di gregge
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Vaccinarsi contro il Covid 19 al supermercato mentre si fa la spesa, a Bruxelles si può. In diversi Carrefour e al punto vendita Action del quartiere di Molenbeek, si possono ricevere le dosi uniche del siero Johnson e Johnson in soli 15 minuti, senza costi e senza appuntamento. Nei prossimi giorni si aggiungeranno all'iniziativa anche Ikea e Primark del quartiere di Ixelles, nei pressi del Parlamento europeo.

La risposta dopo due giorni di svolgimento delle somminastrazioni in due supermercati del Carrefour, secondo una portavoce della famosa catena francese, Siryn Stambouli, è molto positiva. «Si sono già vaccinate 92 persone – dichiara – e siamo solo all'inizio di questa campagna che durerà quattro settimane ».

La clientela sembra essere molto soddisfatta, per due motivi : il controllo qualità sul siero è lo stesso di un ospedale e fare una sola dose, senza richiami, fa risparmiare tempo e stress.

L'obiettivo della campagna nei supermarket è aumentare il tasso di vaccinazione nella capitale belga, che attualmente è il più basso del Paese. Secondo gli ultimi dati diffusi dal ministero della Salute belga, la percentuale di adulti completamente vaccinati nella capitale si ferma al 62%, mentre le regioni della Vallonia e delle Fiandre viaggiano su percentuali ben più elevate, rispettivamente il 78 e l’89%.

Medici Senza Frontiere da diversi mesi ha invece inaugurato la sua Mobvax, che consiste in diverse unità mobili di vaccinazione, nel territorio, per andare incontro alle comunità più emarginate. Da maggio, grazie a questa iniziativa, sono state vaccinate più di 1700 persone. Secondo l'annuncio della Commissione Ue, il 70% della popolazione adulta dell'Unione europea è ormai vaccinata contro il covid-19.

Ma gli esperti avvertono che questo obiettivo del 70%, una volta presentato come sufficiente per raggiungere l'immunità di gregge, non lo è più, vista la rapidità di trasmissione delle varianti del virus. Bisogna vaccinare il maggior numero possibile di persone. «Il numero magico per l'immunità di gregge non esiste – spiega Lucia Pastore Celentano, Responsabile delle malattie prevenibili con i vaccini presso l'Ecdc, Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie - All'inizio si era detto il 40%, poi 70%, ora si suggerisce il 95% , alla luce del fatto che la variante Delta è molto più trasmissibile. Ma in realtà è difficile saperlo – afferma l'esperta - Dobbiamo iniziare ad entrare nell'ordine di idee che questo virus rimarrà con noi, e diventerà endemico, ma sempre meno virulento ».

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie insiste anche sul fatto che la vaccinazione dovrebbe andare di pari passo con misure sanitarie e campagne di informazione per contrastare lo scetticismo.