Nolo abusivo di barche a La Maddalena,multe per 160mila euro

Sanzioni elevate dalla Capitaneria di porto
Sanzioni elevate dalla Capitaneria di porto
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LA MADDALENA, 12 AGO - È sempre più diffuso il fenomeno del noleggio abusivo di imbarcazioni da diporto. Lo dice più di qualsiasi altra considerazione un dato fornito dalla Capitaneria di porto di La Maddalena: a oggi nell'arcipelago sono state elevate sanzioni per 160mila euro. L'attività, che in queste acque ha ormai assunto dimensioni importanti, attira operatori da diverse località italiane che in estate si spostano per lavorare senza avere i requisiti di legge. In vista del Ferragosto, gli uomini della Capitaneria hanno intensificato i controlli, accertando l'assenza dei contratti di noleggio a bordo, le comunicazioni compilate volontariamente in maniera incompleta, skipper senza titolo abilitativo, mancate regolarizzazione di posizioni lavorative. Diverse le sanzioni anche per il superamento del limite massimo di passeggeri consentiti, in violazione quindi delle norme in materia di sicurezza della navigazione. Molte anche le barche formalmente impiegate in attività di supporto ai centri di immersione ma che in realtà effettuavano gite turistiche o svolgevano la propria attività senza le dotazioni di sicurezza supplementari previste a bordo. Non solo: oltre il 70% delle unità controllate e intente a fare locazione, noleggio, diving e noleggio occasionale, non avevano pagato il previsto ticket a favore del Parco naturale e non erano in regola coi permessi per attività commerciale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 03 dicembre - Mattino

Gaza ripiomba nell'inferno, a Khan Younis il bombardamento più pesante dall'inizio della guerra

Russia: Navalny, nuove accuse da parte della Procura