ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La carovana di elefanti che vagava per la Cina ha finalmente trovato casa

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Il branco mentre attraversa un ponte  -   Copyright   AP / Centro di comando provinciale dello Yunnan per la sicurezza e il monitoraggio degli elefanti asiatici
Il branco mentre attraversa un ponte - Copyright AP / Centro di comando provinciale dello Yunnan per la sicurezza e il monitoraggio degli elefanti asiatici   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono rimasti per tre mesi in viaggio attraverso la Cina meridionale, ma alla fine sono riusciti a raggiungere un habitat più appropriato. Da maggio, un branco di elefanti andava lasciandosi dietro una scia di danni a colture e abitazioni man mano che attraversava centri abitati e terreni agricoli, in un ambiente che, a colpi di cementificazione e disboscamenti, si è fatto sempre più sfavorevole per la fauna selvatica.

HANDOUT/AFP
13 luglio 2021: una foto aerea del branco di elefanti asiatici selvatici, in un terreno agricolo nella provincia dello Yunnan, nel sud-ovest della CinaHANDOUT/AFP

Questa settimana, i pachidermi sono infine riusciti ad attraversare il fiume Yuanjiang, che da settimane continuavano a costeggiare: era la principale barriera che si frapponeva tra loro e un habitat più adatto, come ribadito anche dalla National Forest and Range Administration, che in un comunicato ha sottolineato come gli animali siano ora un in "habitat favorevole" dopo l'attraversamento.

Un avviso emesso dal governo provinciale ha affermato che i progressi della mandria sono stati significativi e che continueranno a lavorare affinché gli elefanti tornino presto al loro habitat naturale.

Fino a circa un anno fa, gli animali vivevano tranquillamente nel loro habitat abituale a Xishuangbanna, una regione nota per la sua foresta pluviale tropicale e il clima monsonico. Da lì, per ragioni ancora non del tutto chiare, è iniziata la loro migrazione. Negli ultimi mesi hanno vagato per la provincia meridionale dello Yunnan dopo essersi trasferiti di nuovo lo scorso maggio.

Le piogge hanno complicato il viaggio

L'arrivo della stagione delle piogge nella zona lo scorso luglio ha aumentato la difficoltà di passaggio degli elefanti, poiché la portata del fiume era notevolmente aumentata.

Secondo l'agenzia di stampa Xinhua, le autorità hanno bloccato la sponda del fiume con decine di camion per impedire agli elefanti di attraversare alcune zone più difficili, obbligandoli così a continuare il loro viaggio verso un ponte che potevano attraversare senza difficoltà.

Secondo Chen Mingyong, uno studioso degli elefanti presso la Yunnan University, il fiume Yuanjiang "è la linea di demarcazione" che segna "l'idoneità dell'ambiente per la vita degli elefanti".

Le autorità locali hanno dispiegato camion, lavoratori e droni per monitorare il branco. Le strade sono state evacuate per consentire loro di passare in sicurezza e il cibo è stato utilizzato per attirarli via dalle aree popolate. Nonostante l'ingresso nei villaggi e l'avvicinamento alla capitale della provincia dello Yunnan, Kunming, nessun animale o persona è rimasto ferito.

I 14 elefanti asiatici di varie dimensioni ed età hanno lasciato la riserva più di un anno fa per ragioni sconosciute e hanno vagato per più di 500 chilometri a nord. Dopo aver raggiunto la periferia di Kunming, centro per affari e turismo, hanno girato di nuovo a sud, ma sono ancora lontani dalla riserva.

Uno dei maschi, che si era separato dal branco, è stato rassicurato e restituito alla riserva.

Gli elefanti asiatici sono tra gli animali più protetti in Cina e la loro popolazione è cresciuta fino a 300 esemplari, nonostante il loro habitat sia stato ridotto dall'espansione dell'agricoltura e dalla crescita urbana.