Melilla, 230 migranti valicano barriera ed entrano in Spagna

Melilla, 230 migranti valicano barriera ed entrano in Spagna
Diritti d'autore Javier Bernardo/AP Photo
Diritti d'autore Javier Bernardo/AP Photo
Di Euronews Agenzie:  Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Anche nei giorni scorsi ci sono stati diversi tentativi di accesso irregolare in territorio spagnolo

PUBBLICITÀ

Almeno 238 migranti sono entrati in territorio spagnolo valicando simultaneamente la barriera situata alla frontiera tra il Marocco e l'enclave di Melilla.

I fatti, riportati da tutti gli organi di stampa spagnoli, sono avvenuti poco prima delle 7 del mattino: tutte le persone sono state smistate in un centro per l'autoisolamento, al fine di prevenire la possibile diffusione del coronavirus.

Si tratta di uno dei salti di massa della barriera che hanno riguardato più persone negli ultimi anni.

Javier Bernardo/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
AP PhotoJavier Bernardo/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Anche nei giorni scorsi, c'erano stati non pochi tentativi di accesso irregolare in territorio spagnolo, l'ultimo dei quali ha coinvolto una ventina di migranti.

Il 12 luglio ben 119 migranti, infatti, sono riusciti nell'intento, mentre nell'ottobre 2018 da un tentativo malriuscito scaturì la morte di un migrante ed il ferimento di altri 19.

I migranti subsahariani tentano regolarmente di oltrepassare il confine, lungo 12 km, per raggiungere il continente europeo.

Lo scorso 18 maggio, invece, un episodio analogo si era verificato a Ceuta, con relative settimane di polemiche tra Madrid ed il governo marocchino, che avrebbe allentato i controlli facilitando l'ingresso dei migranti in territorio spagnolo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Melilla: la strage dei migranti, soffocati nella calca per superare il "muro"

La Sea Watch3 a Trapani con 257 migranti di cui 70 minori

Il nuovo patto Ue per la migrazione "inaugurerà un'era mortale di sorveglianza digitale"