EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

200 anni di indipendenza del Messico: e il "chile en nogada" diventa un...gelato

Chiles en nogada versione gelato.
Chiles en nogada versione gelato. Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Cristiano TassinariEuronews Spain
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il piatto nazionale messicano - a base di peperoni poblano, carne di maiale e salsa di noci - di color rosso, bianco e verde (come la bandiera) - fu preparato per la prima volta il 24 agosto 1821, per il Trattato di Cordoba, che sancì l'indipendenza del Messico dalla Spagna

PUBBLICITÀ

Cibo tex-mex e storia vanno a braccetto.

Il piatto nazionale della cucina messicana, i "Chiles en nogada", è pronto a modernizzarsi, dopo 200 anni di storia.

Nuovi ingredienti e nuove composizioni: pizza, tortilla chips e persino gelato.

Cibo, storia, tradizione

La base, naturalmente, è composta da peperoni poblano, carne di maiale (e, in parte, manzo) e salsa di noci, ma per il resto gli chef messicani stanno sperimentando di tutto, sotto lo sguardo dei puristi della cucina che storcono il naso.

Con i suoi ingredienti rossi, bianchi e verdi, il piatto rappresenta perfettamente la bandiera messicana.

AP Photo
I colori della bandiera.AP Photo

Il gelataio Gerardo Morales spiega:
"Il chile en nogada non era mai stato trasformato prima: se il gelato non avesse funzionato e se fosse stato un disastro, nessuno avrebbe continuato a farlo. Oggi siamo in un epoca in cui bisogna innovare, non distruggere, la tradizione".

AP Photo
"Siamo in un'epoca in cui bisogna innovare, non distruggere, la tradizione".AP Photo

La storia in un piatto

Il celebre piatto usa tradizionalmente circa 30 ingredienti, a cominciare dal "chile poblano", coltivato principalmente nello stato di Puebla".

"Il chile contiene frutta di stagione come la pera, la pesca creola e la mela panochera, che è diversa dalla mela tradizionale, per la sua consistenza dura", spiega Olga Mendez, membro del comitato costituito a Puebla per celebrare il bicentenario.

Secondo i resoconti storici, il piatto fu servito ad Agustin de Iturbide, il primo sovrano del Messico indipendente, quando passò per Puebla dopo aver firmato il Trattato di Cordoba, che stabiliva l'indipendenza del Messico dalla Spagna, il 24 agosto 1821.
La data ufficiale di indipendenza è il 16 settembre.

"I chiles si combinano con mandorle, uva passa, cannella, cumino, origano e zucchero di canna, e si aggiungono carne di maiale e manzo macinati", spiega la ricetta tradizionale.

Il piatto è nato in quella che è conosciuta come la "cucina del convento" di Puebla, dove le suore spagnole e i loro aiutanti indigeni creavano ricette leggendarie, combinando ingredienti di entrambe le tradizioni.

I "chiles en nogada" si mangiano tradizionalmente tra luglio e settembre, la stagione ideale per il raccolto di melograni, noci e peperoni poblano.

La chef Lúlu Reyes, proprietaria con il marito Gerardo Castillo del ristorante "La Birula" ad Atlixco:
"È sempre chile en nogada, ma presentato in modo diverso. È ancora un chile, un piatto che vuole ancora essere parte della nostra tradizione".

AP Photo
"Un piatto che vuole ancora fare parte della nostra tradizione".AP Photo

Versioni e varianti

A Città del Messico, nel frattempo, alcuni ristoranti offrono versioni vegetariane e vegane del chile en nogada. Per non parlare della "variante" pizza e hamburger. Ma quello che tira di più è il gelato.

Per il bicentenario dell'indipendenza i ristoranti messicano sperano di vendere tre milioni e mezzo di "chiles en nogada".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Messico: Morena, il partito del Presidente, perde la maggioranza assoluta alla Camera

Migliaia di migranti alla frontiera Messico-Usa, sospesi i treni merci: troppi rischi

Guadalajara: la sfilata del "Charro Day", per un'identità esclusivamente del Messico