ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Corte di giustizia Ue: "Sì, il velo islamico può essere vietato al lavoro"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Attiviste celebrano la Giornata mondiale dell'hijab a Kiev, Ucraina, lunedì 1 febbraio 2021
Attiviste celebrano la Giornata mondiale dell'hijab a Kiev, Ucraina, lunedì 1 febbraio 2021   -   Diritti d'autore  Efrem Lukatsky/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Sul posto di lavoro, in alcuni casi, può essere vietato l'uso del velo e di altri simboli religiosi visibili. Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell'Unione europea, in merito a due casi intentati da donne musulmane in Germania, sospese rispettivamente da un asilo nido e da una catena di negozi, perché indossavano l'hijab.

"Gli artt. 1 e 2, n. 2, lett. A), della direttiva del Consiglio 2078 dicono che la norma interna di un'azienda - che vieta ai dipendenti di portare sul luogo di lavoro qualsiasi segno visibile di convinzioni politiche, filosofiche o religiose - non costituisce una discriminazione diretta fondata sulla religione o sulle convinzioni personali, ai sensi di tale direttiva nei confronti dei lavoratori che osservano determinati codici di abbigliamento, purché tale norma sia applicata in modo generale e senza distinzioni", la sentenza del giudice della Corte di giustizia europea.

Le due donne sospese in Germania non indossavano il velo quando vennero assunte, ma decisero di farlo anni dopo. Il divieto di indossare l'hijab al lavoro è stato al centro del dibattito per anni in Germania, Paese dove vivono più di 5 milioni di musulmani.