Coalizione anti Isis, Blinken: "C'è ancora del lavoro da fare"

Antony Blinken e Luigi di Maio a Roma
Antony Blinken e Luigi di Maio a Roma Diritti d'autore Andrew Harnik/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A Roma la riunione di 83 ministri degli Esteri, per definire le prossime mosse della coalizione contro lo Stato Islamico, in particolare in Africa e dove resta in medioriente

PUBBLICITÀ

La coalizione globale anti Isis ha raggiunto "risultati significativi, ma c'è ancora del lavoro da fare". Con queste parole, il segretario di Stato statunitense Antony Blinken ha parlato a Roma, durante la ministeriale plenaria co presieduta insieme a Luigi Di Maio. 

A preoccupare gli 83 ministri degli Esteri presenti sono le cellule residue in Siria e Iraq, oltre alla sempre più importante minaccia jihadista nel continente africano. La coalizione - creata nel 2014 per combattere contro lo Stato Islamico - deve stabilire tra le altre cose le priorità per le linee di azione legate alla stabilizzazione, ai foreign fighters e al finanziamento della lotta contro l'Isis.

L'Italia è per Washington un alleato chiave della Nato, ma anche per garantire il progresso in Libia e in tutta l'area del Mediterraneo. Al centro invece della conferenza internazionale della coalizione anti Isis, un impegno per una sconfitta duratura dell'Isis, soprattutto in Africa, ma anche un impegno concreto per la stabilizzazione delle aree liberate in Iraq e in Siria. 

Multilateralismo e Africa sono i temi al centro del G20 dei ministri degli Esteri, in programma a Matera, al quale domani parteciperà anche il Segretario di Stato americano Blinken.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

G20: "Unire gli sforzi per combattere la fame nel mondo"

Arrestato a Roma un uomo affiliato all'Isis: usava diverse identità per sfuggire alla cattura

Allerta terrorismo, misure straordinarie a Roma: focus sul Vaticano per il Venerdì santo e la Pasqua