This content is not available in your region

Guerra in medioriente e la pressione sanitaria che si attenua in Europa

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe
euronews_icons_loading
Sheikh Jarrah neighborhood
Sheikh Jarrah neighborhood   -   Diritti d'autore  Maya Alleruzzo/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Questa settimana, le notizie dal fronte Covid sono state buone e promettenti.

Poiché il numero di infezioni continuava a diminuire e i tassi di vaccinazione aumentavano, molti paesi europei hanno allentato le restrizioni per tornare a una qualche forma di normalità.

Questo ha lasciato spazio agli eventi alla periferia dell'Europa che hanno dominato i titoli dei giornali, un altro ritorno a una qualche forma di normalità politica, se si vuole.

Sto parlando dell'ultimo dramma dei rifugiati nel Mediterraneo e, ovviamente, dei combattimenti in corso tra Israele e Hamas.

L'escalation di violenza è stata la ragione per una riunione di emergenza dei ministri degli esteri europei per discutere gli sforzi diplomatici e porre fine ai combattimenti.

Il capo della politica estera europea, Josep Borrell, ha affermato che l'urgenza è quella di attuare un cessate prima che si possa trovare una soluzione politica a lungo termine.

Josep Borrell, capo degli affari esteri dell'UE: "Condanniamo gli attacchi missilistici di Hamas e di altri gruppi terroristici sul territorio israeliano. E sosteniamo pienamente il diritto alla difesa di Israele, ma abbiamo anche affermato che ciò deve essere fatto in modo proporzionato e nel rispetto del diritto internazionale umanitario".

Le divisioni a livello comunitario sulla politica nei confronti di Israele e dei palestinesi hanno avuto un'insolita diffusione pubblica dopo che Borrell ha ammesso di aver parlato a nome di 26 Stati membri, Ungheria esclusa. Unica dissidente a non approvare le sue osservazioni.

Chiamare entrambe le parti a porre fine ai combattimenti potrebbe essere complicato.

Il ministro degli esteri ungherese, in viaggio a Parigi, ha spiegato il perché di solito non gli piacciano le dichiarazioni dell'UE sul Medio Oriente. Cosi'Peter Szijjarto: "Di solito sono molto unilaterali, e queste affermazioni non aiutano, soprattutto nelle circostanze attuali, quando la tensione è così alta. Penso che sia necessario un approccio intelligente, equilibrato e freddo invece di opuscoli politici e di parte ideologica. dichiarazioni".

Apparentemente, il governo ungherese è irritato dalla menzione di vittime civili, fra cui donne e bambini, da entrambe le parti. E visto il numero molto più alto di vittime palestinesi, la dichiarazione di Borrell sarebbe unilaterale.

In ogni caso, la situazione esplosiva nella regione è sempre più preoccupante per la comunità internazionale che deve affrontare nuovamente un conflitto vecchio di decenni.

Stefan Grobe, Euronews: "Assieme a noi da Washington c'è l'ambasciatore Dennis Ross, coordinatore speciale per il Medio Oriente sotto il presidente Bill Clinton e assistente speciale del presidente Barack Obama. Benvenuto nel programma. L'ultima volta che Israele e Hamas hanno combattuto è stato nel 2014, per 50 giorni, e non hanno mai veramente seppellito l'ascia di guerra. Finora abbiamo assistito a due settimane di combattimenti: è stata una sorpresa totale o è stato qualcosa che prima o poi doveva succedere?"

Dennis Ross: "Non credo sia stata una sorpresa. Hamas nel 2014, in 52 giorni, ha lanciato 4500 razzi contro Israele. Questa volta nell'arco di dieci giorni ha sparato quasi lo stesso numero. Quindi Hamas ha utilizzato il tempo dal 2014 ad oggi per ricostruire non solo un grande arsenale, ma una vasta rete di tunnel sotterranei. Quindi questo suggerisce che questo non è stato un incidente, era qualcosa che doveva accadere prima o poi".

Stefan Grobe, Euronews: "Il presidente Biden ha aumentato la pressione su Netanyahu. Ora, si conoscono da decenni, hanno un buon rapporto personale, sarà utile in futuro?"

Dennis Ross: "Penso di sì, perché penso che il primo ministro Netanyahu capisca che con il presidente biden ha qualcuno che ha un forte impegno personale con Israele. Quindi, lui da un lato è pronto a stare dalla parte di Israele, ma dall'altro, quando dice che basta, è ora di rilassarsi, quelle sono parole che saranno prese più sul serio dal Primo Ministro".

Stefan Grobe, Euronews: "Alcuni repubblicani a Washington hanno chiesto al presidente Biden di abbandonare i colloqui sul nucleare indiretto con l'Iran a causa dei combattimenti tra Israele e Hamas, suggerendo che l'Iran stia sostenendo attivamente Hamas. Questo è un punto giusto?"

Dennis Ross: "E' vero è che l'Iran stia attivamente sostenendo Hamas. Ma le due questioni sono separate. Gli iraniani stanno comunque facendo quello che stanno facendo nella regione. Quindi, penso che ciò che gli Stati Uniti devono essere in grado di fare è, in un certo senso, rispecchiare il modo in cui opera l'Iran. L'Iran dice che il dossier nucleare è una cosa, quello che facciamo nella regione è un'altra".

Stefan Grobe, Euronews: "Netanyahu ha lottato di recente per formare un nuovo governo. La lotta contro Hamas lo aiuterà a livello nazionale o gli renderà le cose più difficili?"

Dennis Ross: "Nessun governo israeliano accetterebbe l'idea che Hamas possa lanciare razzi contro Gerusalemme o Tel Aviv e non rispondere a questo, non avere un deterrente contro questo. Buit Netanyahu non è in una posizione in cui potrebbe formare un governo, è in una posizione in cui probabilmente avremo una quinta elezione. E poi vedremo. Il tessuto sociale in Israele è stato inequivocabilmente laerato. I fati di queste settimane pero' hanno scioccato la maggior parte degli israeliani. Resta da vedere come reagirà l'opinione pubblica israeliana a questo una volta che ci sarà un cessate il fuoco e ciò si svolgerà nella campagna elettorale".

Purtroppo siamo stati abituati ai conflitti in Medio Oriente e alla ricerca della pace - e nulla suggerisce che questo cambierà presto.

Ora, la crisi covid è diversa. Dopo che blocchi e restrizioni hanno minacciato di diventare la nuova normalità in Europa, questa situazione sta cambiando. La Francia, ad esempio, è tornata ad aprire in maniera massiccia.

Nella seconda fase di un piano di riapertura, caffè e ristoranti possono ora offrire pasti all'aperto prima di poter riaprire completamente il 30 giugno. E la gente è stata contenta

Il presidente francese Emmanuel Macron è stato tra i primi a prendere posto sulla terrazza di un bar dove ha preso un caffè con il suo primo ministro.

"La riapertura è stata il risultato della disciplina collettiva", ha detto Macron.

E ora le persone dovrebbero vivere la gioia del momento.