ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Gli USA lanciano un monito alla Russia: "Stop azioni aggressive contro l'Ucraina"

euronews_icons_loading
Gli USA lanciano un monito alla Russia: "Stop azioni aggressive contro l'Ucraina"
Diritti d'autore  Efrem Lukatsky/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Un segnale forte e chiaro alla Russia da parte di Washington. Il Segretario di Stato americano Antony Blinken nel corso della sua visita a Kiev dove ha incontrato il presidente ucriano Volodymyr Zelensky, ha invitato Mosca a cessare le "azioni sconsiderate e aggressive" contro l'Ucraina.

Blinken ha dichiarato il pieno sostegno dell'amministrazione statunitense alla sovranità, integrità territoriale e indipendenza del Paese, minacciato dalle tensioni con Mosca e dai combattenti filorussi nel Donbass.

Il capo della diplomazia statunitense, parlando a nome del Presidente Joe Biden ha più volte sottolineato che la Russia deve cessare ogni tipo di comportamento aggressivo. “Ci opponiamo con fermezza a tutte quelle azioni destabilizzanti nei confronti dell'Ucraina- ha dichiarato Blinken - perché crediamo che le riforme attuate da Kiev in fatto di anticorruzione e a favore dello stato di diritto sono di vitale importanza per la democrazia. Nessuno deve sottrarre al popolo ucraino ciò che è un suo diritto.”

Kiev-Washington: Un'alleanza rinnova

Le parole del Segretario di Stato Usa suggellano l’alleanza tra Kiev e Washington su tutti i fronti. Compreso il contenzioso sul gasdotto NordStream2 quasi completato ma con tanto di sanzioni contro le società russe coinvolte.

Una questione questa molto delicata non solo per l’Ucraina ma anche l’asse Unione europea-Stati Uniti, come dichiarato dal presidente Zelensky. “In Europa ci sono diversi punti di vista su questa questione, atteggiamenti che a volte coincidono con il nostro con i nostro piani e volte no. Sul fatto di non volere il gasdotto russo i due paesi restano in piena sintonia."

Dopo aver discusso di Crimea e annessioni territoriali non legittime, il segretario di Stato americano insieme alle alte cariche dello stato e della Chiesa autocefala ha deposto una corona di fiori presso un memoriale ai soldati uccisi nella regione orientale del Donbass. Segno un rinnovata alleanza in un momento di crescente tensione.