EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

25 Aprile: don Ciotti, libertà sia cura dell'altro

Chi ha combattuto resistendo pensava a mondo fondato su diritti
Chi ha combattuto resistendo pensava a mondo fondato su diritti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 25 APR - "Un 25 aprire per liberare la libertà. Priva di responsabilità - cioè di cura del prossimo e del bene comune - la libertà diventa infatti arbitrio, abuso, ingiustizia. Chi ha combattuto, resistendo, per la nostra libertà, non pensava solo al nostro Paese ma a un mondo intero fondato sui diritti, sulla fraternità, sulla giustizia. Le immagini dei migranti morti e abbandonati alle onde del Mediterraneo - ennesima strage di un'economia omicida e di una politica imbelle - ci dicono che la libertà, nell'Occidente cosiddetto "libero", dev'essere liberata. Liberata dagli egoismi e dalla sete di potere. Dall'indifferenza che degrada l'essere umano e calpesta gli ideali della Resistenza". Così don Luigi Ciotti, presidente di Libera e del Gruppo Abele. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede

Polonia: maxi finanziamento per rafforzare il confine con Bielorussia e Russia

Maltempo: in Francia e Belgio case allagate e auto sommerse