ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Russia: quasi 1500 arresti nelle manifestazioni per Navalny

euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Mstyslav Chernov/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Quasi 1500 persone sono state arrestate nella giornata di mobilitazione nazionale in Russia a sostegno dell'oppositore del Cremlino Alexei Navalny. L'uomo, in carcere, è in sciopero della fame da tre settimane. Chiede invano di essere visitato dai suoi medici, lamenta dolori alla schiena e mancanza di sensibilità nelle gambe. Secondo la sua famiglia Navalny rischia di morire.

Il leader politico è stato di recente trasferito in un ospedale penitenziario a Vladimir, a circa 200 chilometri da Mosca. Per i suoi sostenitori è la prova che le cose non stiano andando bene per la sua salute.

"Il motivo principale della protesta è che venga permesso ai dottori di vedere Navalny. Questa è la goccia che ha fatto traboccare il vaso, ma sono venuta qui anche perché non voglio una Russia come questa, dove vivo nella paura", dice una manifestante.

"Prima hanno preso Navalny, ma poi verranno per noi. Quello che è successo a lui può accadere a chiunque", afferma un dimostrante.

Le manifestazioni più importanti, animate da giovanissimi, sono state a Mosca e San Pietroburgo. Tra gli arrestati ci sono anche la portavoce di Navalny, Kira Yarmysh e una degli avvocati, Lyubov Sobol.

Il dissidente anti-Putin è stato arrestato per violazione della libertà vigilata a gennaio. Era appena rientrato in patria dalla Germania, dove era stato trasferito e curato per un avvelenamento con l'agente nervino Novichok, del quale accusa il Cremlino di essere stato il mandante.

Mstyslav Chernov/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoMstyslav Chernov/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Il dissidente anti-Putin è stato arrestato per violazione della libertà vigilata a gennaio. Era appena rientrato in patria dalla Germania, dove era stato trasferito e curato per un avvelenamento con l'agente nervino Novichok, del quale accusa il Cremlino di essere stato il mandante.