EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Russia, "la vita di Alexei Navalny è a rischio": la sua salute si deteriora

Alexei Navalny
Alexei Navalny Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Navalny rischia la vita in carcere, la sua salute è compromessa: lo dice uno dei medici di fiducia dell'oppositore russo

PUBBLICITÀ

Alla terza settimana di sciopero della fame, la salute di Alexei Navalny si sta rapidamente deteriorando. La sua vita potrebbe essere a rischio. Ad affermarlo è uno dei medici di fiducia, a cui la famiglia del 44enne oppositore russo ha inviato i risultati dei test sanitari.

Il referto rivela livelli nettamente elevati di potassio - una condizione che può portare all'arresto cardiaco - e valori alti di creatinina, che sono la spia di reni danneggiati. ``
"Il nostro paziente potrebbe morire in qualsiasi momento'', ha scritto il medico Yaroslav Ashikhmin in un post su Facebook.

Navalny è l'oppositore più risoluto del presidente russo Vladimir Putin: è stato arrestato il 17 gennaio al rientro in Russia dalla Germania, dove ha trascorso cinque mesi per riprendersi dall'avvelenamento da agente nervino. Il Cremlino ha negato qualsiasi coinvolgimento.

Il dissidente russo è stato condannato a scontare due anni e mezzo di prigione a causa della violazione dei termini della libertà vigilata. I suoi medici personali non sono stati autorizzati a visitarlo in prigione. Ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il rifiuto all'accesso dei sanitari quando ha lamentato forti dolori alla schiena e una perdita di sensibilità alle gambe.

Il servizio penitenziario statale russo sostiene che Navalny sta ricevendo tutto l'aiuto medico di cui ha bisogno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: quasi 1500 arresti nelle manifestazioni per Navalny

L'Ue bacchetta la Russia, ma non la sanziona

Diritti dell'uomo: ecco i Paesi che a Ginevra chiedono la liberazione di Alexei Navalny