Open weekend Astrazeneca, la strategia siciliana per aumentare la fiducia nel vaccino

Una fiala del vaccino anglo svedese
Una fiala del vaccino anglo svedese Diritti d'autore AP Photo/Peter Dejong
Di Giorgia Orlandi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'iniziativa permette agli over 60 senza patologie pregresse di ricevere il vaccino senza prenotazione

PUBBLICITÀ

In Sicilia le autorità regionali hanno messo in campo una nuova strategia per incoraggiare i cittadini a farsi vaccinare con Astrazeneca. Pochi giorni fa il Presidente della Regione Musumeci aveva segnalato che l’80% dei cittadini rifiuta il vaccino anglo svedese.

L’iniziativa “Open Weekend Astrazeneca” permette agli over 60 fino a 79 anni senza patologie pregresse di ricevere il vaccino senza prenotazione. Un modo per aumentare le somministrazioni e smaltire le fiale.

Il bilancio del primo weekend che si è appena concluso, sembra positivo con una media giornaliera di dosi somministrate più alta dei giorni scorsi. In molti sono arrivati in Sicilia da altre parti d’Italia per farsi vaccinare.

Aumentare la fiducia dei siciliani nella campagna vaccinale, è questo uno degli obiettivi che le autorità regionali si sono imposte. La storia dei presunti dati falsati che ha portato alle dimissioni dell’assessore alla Salute e sulla quale sta indagando la magistratura certo non aiuta.

La Professoressa Stefania Stefani, ordinario di Microbiologia presso l’Università di Catania e Presidente della Società Italiana di Microbiologia fa parte del Comitato Scientifico regionale.

Il comitato non è coinvolto nella gestione dei dati, anche se la Professoressa spiega, la vicenda ha avuto un impatto negativo sui cittadini. "Ha avuto un impatto negativo sulla popolazione, perché adesso è un momento cruciale, quello della vaccinazione e sento in giro la sfiducia, che non fa bene in questo momento. È un problema grossissimo. Dobbiamo vaccinare più persone possibili, perché più vacciniamo, più apriamo". 

Nelle ultime settimane la frustrazione dei siciliani è aumentata. A Palermo gli esercenti sono scesi in piazza per protestare contro la zona rossa, a questo si aggiunge il dato sulla sfiducia nei confronti di Astrazeneca. Nei giorni scorsi è stato proprio il Presidente Musumeci a far notare che l’80% dei cittadini rifiuta il vaccino anglo svedese. Siamo stati a Catania per sondare l’opinione della gente.

"Non mi fido, perché la cosa sembra andare a peggiorare non migliorare. Non mi fido assolutamente del vaccino, né di come si sta gestendo la situazione qua del Covid. Non voglio fare l'AstraZeneca, perché ci sono stati morti, persone che si sono sentite male". 

"Anche se si dice che questi dati falsati erano solo per evitare una chiusura, perché la crisi è forte, si sente, è ovvio che la gente da un lato è contenta d'aver scongiurato un'altra chiusura, ma dall'altro non si fida. Questa è la situazione, di dubbio". 

Domenica si è chiuso il primo open weekend Astrazeneca, la nuova strategia che la regione sta mettendo in campo per aumentare la fiducia nel vaccino anglo svedese. Posso essere vaccinati tutti i cittadini che appartengono alla fascia 60-79 che non hanno patologie pregresse e senza bisogno di prenotazione.

Immunizzare quante più persone possibile è cruciale per sostenere l’economia di una delle regioni più povere d’Italia e d’Europa, gravemente colpita dall’emergenza sanitaria.

Secondo gli ultimi dati Eurostat la Sicilia e la Campania sono le regioni europee con il tasso di rischio di povertà più alto all’interno dell’Unione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Anna" di Ammaniti sfonda anche sulla franco-tedesca ARTE

Astra Zeneca: l'Ue ha avviato l'azione legale

Italia Paese più vecchio d'Europa: preoccupati gli economisti