Hong Kong, un anno di carcere per il magnate dell'editoria Jimmy Lai

Hong Kong, un anno di carcere per il magnate dell'editoria Jimmy Lai
Diritti d'autore أ ف ب
Di redazione italiana
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per il suo ruolo nelle proteste antigovernative del 2019. Condannati anche altri otto attivisti. Il 73enne è dietro le sbarre per diverse accuse

PUBBLICITÀ

Un anno di carcere per Jimmy Lai a Hong Kong: il magnate dell’editoria e attivista anti Pechino è stato condannato per il suo ruolo nelle proteste antigovernative del 2019 nell'ex colonia britannica.

È la prima volta che il fondatore del tabloid di opposizione Apple Daily – già dietro le sbarre per diverse accuse - si vede infliggere una condanna per il suo attivismo politico.

Insieme a Lai, 73 anni, sono state condannate anche altre otto persone: a quattro sono state inflitte pene dagli otto ai 18 mesi, mentre per gli altri quattro la pena è stata sospesa, tra cui gli ex parlamentari Margaret Ng e Martin Lee.

Durante le proteste del 2019 a Hong Kong si stima che oltre un milione e mezzo di persone abbiano partecipato alla marcia pacifica, non autorizzata dalla polizia, svoltasi il 18 agosto contro il disegno di legge sulle estradizioni in Cina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hong kong vota, Pechino vieta

Capodanno Lunare: celebrazioni nel tempio Dongyue di Pechino

Cina: incendio in un negozio nella provincia di Jiangxi, almeno 39 morti