ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Donbass: "una nuova escalation tra Kiev e Mosca ormai è inevitabile"

il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy sulla linea del fronte in Donbass
il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy sulla linea del fronte in Donbass   -   Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Una nuova escalation continua a montare in Ucraina orientale, dove negli ultimi sette anni l'esercito è rimasto bloccato in un conflitto con i separatisti sostenuti dalla Russia nella regione del Donbass.

Mentre da settimane si assiste a un'impennata nelle schermaglie militari, la Russia ha ammassato grandi quantità di attrezzature militari vicino al confine

Euronews ha visitato il posto di frontiera di Mayorsk, nella zona di Donetsk, dove abbiamo incontrato i soldati ucraini. Da qui, all'orizzonte, è ben visibile la città di Horlivka, controllata dai separatisti filorussi: è lì che ha avuto luogo la maggior parte dei nuovi combattimenti.

Una settimana fa, quattro soldati ucraini hanno perso la vita a circa un chilometro da qui, nella città di Shumy, in seguito a un bombardamento separatista. Un altro soldato è morto poco dopo nella stessa zona a causa di una mina. È la peggiore perdita di vite umane registrata nella regione a partire dal 2019. Secondo il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky, 26 soldati ucraini sono morti quest'anno.

La recente impennata dei combattimenti segue un periodo di calma iniziato nel luglio 2020, quando un nuovo cessate il fuoco è entrato in vigore tra Kyiv e i separatisti.

Tra il 2 e il 5 aprile, l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) ha registrato 1.424 violazioni del cessate il fuoco, un numero molto più alto rispetto alla scorsa estate, quando la media giornaliera era raramente superiore a cinque.

"Abbiamo sentito che la Russia sta inviando truppe", ha detto a Euronews Michael Mircak, 25 anni, tenente dell'esercito ucraino, intervistato vicino alla linea del fronte. "Vogliono dimostrare di avere potere, ma noi non abbiamo paura. Siamo pronti, stiamo pulendo le nostre armi e innalzando fortificazioni. Abbiamo meno soldati e meno potenza di fuoco, ma il nostro spirito è forte".

"La morte fa parte della guerra", ha detto Andrii Savchuk, 23 anni, anche lui tenente dell'esercito. Secondo lui, l'unica cosa che l'esercito ucraino può fare a questo punto è costruire nuove fortificazioni e nascondersi dai cecchini e dagli occhi del nemico.

Emil Filtenborg and Stefan Weichert
Andrii SavchukEmil Filtenborg and Stefan Weichert

Escalation inevitabile

La guerra è scoppiata nel 2014 quando la Russia si è annessa la Crimea e i separatisti sostenuti dalla Mosca hanno preso gli edifici governativi nell'Ucraina orientale, a seguito di una sollevazione filo-occidentale avvenuta alla fine del 2013 e nella prima parte dell'anno successivo, ricordata come protesta di piazza Maidan.

Da allora più di 13.000 persone sono morte nel conflitto, secondo le Nazioni Unite. Un altro milione e mezzo di persone sono rimaste sfollate.

Un cessate il fuoco provvisorio è stato concordato nel 2015 e, in seguito al suo fallimento, di nuovo nel 2020. Ma anche quest'ultimo spiraglio di pace sembra destinato a infrangersi contro la nuova escalation.

Negli ultimi giorni i siti dei social media si sono riempiti di video di treni russi, carichi di carri armati e altre attrezzature militari, in viaggio verso la linea del fronte in Ucraina; e sia gli Stati Uniti che Bruxelles hanno espresso preoccupazione.

L'addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato che il numero di truppe russe attualmente al confine ucraino è il più grande mai registrato dal 2014.

In una recente conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha chiesto il ritiro dei rinforzi inviati.

"Non c'è una chiara soluzione politica all'orizzonte - e nessun idea chiara di ciò che accadrà dopo", ha detto a Euronews Alexei Jakubin, un docente di politica all'Istituto Politecnico di Kiev.

"Dal momento che non c'è una visione politica comune (i negoziati di pace sono in stallo) un'escalation è inevitabile. Questo va a vantaggio di entrambe le parti, perché ciascuna può incolpare l'altra per la rottura".

Secondo Jakubin, entrambe le parti useranno l'attuale escalation per promuovere i loro interessi. Egli non crede che la Russia o l'Ucraina siano interessate a una guerra su larga scala, ma non si possono escludere scontri significativi. Alcuni esperti hanno sostenuto che la Russia sta cercando di forzare l'Ucraina a negoziare, mentre altri credono che la Russia potrebbe cercare una soluzione militare alla luce degli ultimi eventi. Mosca nega però che questo sia vero e accusa invece l'Ucraina di aggressione.

La Russia ha detto che indagherà sulla morte di un bambino di cinque anni a Donetsk, una zona controllata dai separatisti, i quali sostengono che l'esercito ucraino lo abbia ucciso con un drone: secondo loro, ciò proverebbe l'affermazione, più volte avallata da Mosca e i separatisti, che l'Ucraina prende di mira i civili. Kiev nega però a sua volta le accuse e l'OSCE non è stata in grado di determinare esattamente come sia morto il bimbo.

"Non abbiamo alcun piano di intervento militare" avrebbe detto il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev in un'intervista con il giornale Kommersant. "Ma stiamo monitorando attentamente la situazione e a seconda di come si sviluppa, prenderemo misure concrete".

Dopo la recente telefonata con Merkel, il Cremlino ha riferito che Vladimir Putin "ha notato azioni provocatorie da parte di Kyiv, che sta deliberatamente infiammando la situazione lungo la linea di contatto".

Emil Filtenborg & Stefan Weichert
I tenenti Sergii Ukrainets (10a brigata d'assalto in montagna) e Michael Mircak (108° battaglione d'assalto in montagna) osservano un ponte saltato sulla linea del fronteEmil Filtenborg & Stefan Weichert

Stanno arrivando di nuovo?

Vicino alla linea del fronte, i soldati che hanno parlato con Euronews hanno espresso preoccupazione per quello che potrebbe accadere in seguito. Savchuk ha detto che conosceva alcuni dei soldati che hanno perso la vita a Shumy di recente: come tutti gli altri, dice di voler combattere, ma che ha ordini da rispettare.

Ad Euronews è stato mostrato un bunker, dove più di dieci persone dormono in una stanza affollata su letti pieghevoli. Sergii Ukrainets, 27 anni, un tenente della decima brigata d'assalto in montagna, indica una mappa sul muro per illustrare che i separatisti sono molto vicini. I soldati dicono di essere pronti a difendere questa posizione se la guerra dovesse di nuovo scoppiare.

"Vogliamo solo proteggere tutti in Ucraina. Avete visto gli edifici qui intorno", spiega Ukrainets, riferendosi ai condomini danneggiati con fori di proiettili d'artiglieria. "Questo è come sarà tutta l'Ucraina se la guerra ricomincia e non saremo in grado di tenere la linea del fronte".

Ci sono ancora civili vivi in alcuni edifici. Molti sono fuggiti, ma alcuni rimangono. Vivono nela costante paura di una nuova escalation di violenza.

Emil Filtenborg & Stefan Weichert
I separatisti controllano il territorio all'orizzonte, dietro gli alberi. Secondo gli ucraini, nasconderebberi le armi dietro le collineEmil Filtenborg & Stefan Weichert

Nella città ucraina di Avdiivka, vicino alla linea del fronte, la 69enne Glushkova Grigorivna ha detto a Euronews che temeva che ciò possa verificarsi a breve.

"La Russia sta arrivando di nuovo?", ha chiesto. "Viviamo ogni giorno senza sapere cosa succederà. Ho paura che la Russia venga a finire ciò che ha iniziato".

Chi è da incolpare?

A febbraio, Zelenskyy ha intensificato gli appelli per l'adesione dell'Ucraina alla NATO. Ha anche vietato i canali televisivi ucraini di proprietà dell'oligarca Viktor Medvedchuk, amico e alleato di Putin. Alcuni esperti suggeriscono che eventi come questo hanno innescato il recente rafforzamento militare da parte russa.

Altri indicano anche lo stallo dei negoziati di pace come una possibile spiegazione. La pressione russa potrebbe costringere l'Ucraina a fare concessioni nei negoziati di pace ed essere usata come strumento di contrattazione per fermare le sanzioni occidentali contro il gasdotto russo Nord Stream 2.

Andrey Buzarov è un esperto del gruppo analitico KyivStratPro. Ha detto a Euronews che nessuna delle due parti è interessata a una guerra, ma che gli errori possono accadere.

"Non sono sicuro che la Russia sia interessata all'escalation in questo momento", ha detto. "Il trasferimento delle attrezzature militari e dei carri armati è una brutta mossa, ma non significa che ci sarà un'intensa escalation militare. Credo che nemmeno Zelenskyy sia interessato", ha detto Buzarov.

"In Ucraina, non ci sono stati negoziati di pace di successo da più di un anno e mezzo", sottolinea. "Non è un buon segno e penso che un'escalation sia possibile, ma non su vasta scala".

Quando finirà?

Tornato alla base, Mircak dice di aver combattuto nell'esercito ucraino dall'inizio della guerra. Allora, ricorda, le forze di Kiev erano in cattive condizioni, ma molto è cambiato nel frattempo, il che secondo lui significa che l'Ucraina possa tenere il fronte. Dice che vuole la pace più di ogni altra cosa, ma non crede che ciò accadrà.

"La guerra va avanti da sette anni ormai. All'inizio, pensavo che sarebbe finita in due o tre", ha detto. "Ora penso che ci vorrà molto più tempo. Non importa se la soluzione arriverà diplomaticamente o militarmente".

Molti dei soldati del 108° battaglione d'assalto in montagna di stanza qui conoscevano i soldati che hanno recentemente perso la vita a Shumy.

Erano della stessa brigata e le foto dei caduti sono appese su una bacheca vicino al loro quartier generale. È un promemoria delle conseguenze della guerra.

"Il nostro precedente presidente ha sempre detto ai leader mondiali che l'Ucraina è il cuscinetto tra l'Occidente e la Russia", ha detto Mircak. "L'UE deve aiutarci perché la sicurezza dell'Ucraina è la sicurezza dell'Unione Europea".

"Se inizia una grande guerra, inizierà in terra ucraina e se l'UE e gli USA non vogliono che le loro terre vengano attaccate, devono aiutarci qui".

Euronews ha contattato Yulia Mendel, l'addetto stampa dell'amministrazione presidenziale ucraina, per un commento su questo articolo. Abbiamo anche cercato di contattare le due regioni separatiste - la Repubblica Popolare di Donetsk e la Repubblica Popolare di Luhansk, ma ad oggi non hanno ancora risposto.