ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le spettacolari immagini della demolizione controllata di una centrale a carbone

Di Alberto De Filippis
euronews_icons_loading
Le spettacolari immagini della demolizione controllata di una centrale a carbone
Diritti d'autore  Screenshot
Dimensioni di testo Aa Aa

Un'ex centrale elettrica a carbone a Lünen, in Germania, è stata parzialmente distrutta in tre esplosioni controllate.

La torre di raffreddamento alta 110 metri, il camino di 250 metri e la caldaia di 70 metri sono collassate richiedendo 420 chilogrammi di esplosivo in 2100 fori.

La centrale a carbone di Lünen è stata messa in servizio nel 1938 e il suo smantellamento è iniziato nel giugno 2020. La Germania ha deciso di abbandonare il carbone entro il 2038, sebbene rappresenti ancora un quarto del suo mix energetico.

André Schewcow, capo operazioni demolizioni: "Gli edifici in cemento armato devono essere perforati. Abbiamo fatto un totale di oltre 2100 fori nei vari edifici. Abbiamo indebolito gli edifici in acciaio, il che significa che abbiamo dovuto utilizzare squadre di bruciatori per preparare le costruzioni in modo che le cariche esplosive potessero separare l'acciaio e quindi far crollare il tutto".

Le regioni minerarie colpite dal piano (cioè Sassonia-Anhalt, Sassonia, Brandeburgo e Renania Settentrionale-Vestfalia) saranno compensate con 40 miliardi di euro. I fondi stanziati serviranno per la realizzazione di progetti infrastrutturali,