ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Specialista spagnolo: un terzo dei decessi Covid-19 dovuti a trombosi

Specialista spagnolo: un terzo dei decessi Covid-19 dovuti a trombosi
Diritti d'autore  avf
Dimensioni di testo Aa Aa

Si stima che le trombosi siano direttamente responsabili di almeno il 33% dei decessi legati alla Covid-19. Circa il 60% dei pazienti nelle unità di terapia intensiva soffrirebbe di trombi all'interno dei vasi sanguigni.

Queste cifre allarmanti sono state presentate dal dottor José Manuel Soria, direttore dell'unità di genomica di malattie complesse dell'Istituto di Sant Pau a Barcellona.

Il tasso di morte per trombosi è aumentato notevolmente con il coronavirus, indica Soria. Prima della pandemia si attestava ad un decesso al minuto nel nostro continente.

"L'impatto delle trombosi sui pazienti Covid è molto alto. Ecco perché la Società Internazionale di Trombosi ed Emostasi, ISTH, raccomanda da fine di marzo che i pazienti ricoverati con Covid-19 dovrebbero essere trattati con eparine a basso peso molecolare, utilizzati come anticoagulanti preventivi", spiega il dottor José Manuel Soria.

Il team del dottor Soria sta lavorando per sviluppare un algoritmo genetico e clinico per identificare i pazienti Covid a più alto rischio di trombosi.

Quanto ai timori relativi al vaccino AstraZeneca, circolati settimana scorsa e ritenuti non significativi dall'Ema, lo specialista si rimette alle raccomandazioni dell'Agenzia Europea dei Medicinali che ha indicato come il vaccino sia "sicuro ed efficace".

"Dovremo essere molto vigili su questi casi e fornire quante più informazioni possibili sui sintomi avversi, in modo che chiunque sia stato vaccinato con AstraZeneca possa identificarli e raggiungere rapidamente un ospedale".

La International Society of Thrombosis and Haemostasis sostiene a sua volta la continuazione della vaccinazione degli adulti idonei con il siero di AstraZeneca.