ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Segretario alla Difesa Usa, Lloyd Austin: "Rilanciamo il processo di pace in Afghanistan"

Di Cristiano Tassinari  & Euronews World - Redazione Italiana
euronews_icons_loading
Il Segretario alla Difesa Usa, Lloyd Austin: "Rilanciamo il processo di pace in Afghanistan"
Diritti d'autore  AP/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Il nuovo Segretario alla Difesa americana, Lloyd Austin, prova a dare una scossa al processo di pace in Afghanistan.

A Kabul ha incontrato il presidente afghano Ashraf Ghani e le truppe americane di stanza in Afghanistan.

Accordo "slittato" con i Talebani

La visita di Austin è giunta a sorpresa, non annunciata in anticipo, e in questa occasione il numero 1 del Pentagono non si è pronunciato su quando avverrà il ritiro degli ultimi 2.500 soldati americani dal paese, comunque in ritardo - come ventilato dal Presidente Biden - sulla scadenza del 1° maggio 2021, concordata nel febbraio dell'anno scorso dall'amministrazione-Trump con i Talebani.

"Di questo se ne occupa il mio capo", ha detto Austin, riferendosi a Biden.

AP Photo
Visita ai militari Usa di stanza di Kabul.AP Photo

Il governo afgano vorrebbe, peraltro, mantenere le forze americane nel paese, dal momento la loro presenza garantisce una sicurezza importante per lo stesso governo.

Kabul è stata l'ultima tappa di un tour in Asia per il nuovo capo del Pentagono, un Generale pluridecorato che ha servito in Afghanistan come Comandante di divisione dal settembre 2003 all'agosto 2005.

Ha dichiarato Lloyd Austin, ora voluto da Biden come Segretario alla Difesa:

"Quello che vogliamo vedere è una fine responsabile di questo conflitto. Penso che questo sia il messaggio che ho sentito da tutti, mentre parlavo con i nostri partner qui oggi, e tutti sono davvero desiderosi di una transizione responsabile".
Lloyd Austin
67 anni, Segretario alla Difesa - Stati Uniti
AP Photo
Il nuovo numero 1 del Pentagono, il Generale Lloyd Austin.AP Photo

Trattative di pace...senza pace

Dopo i negoziati di Doha dell'anno scorso, I Talebani si sono impegnati in colloqui di pace con il governo afgano, per mettere fine a quasi 20 anni di guerra.

Ma ci sono stati pochi progressi e i combattimenti nel tormentato paese sono continuati.
I maggiori centri urbani - ma anche le zone rurali - sono ancora nella morsa di una sanguinosa campagna di terrore, sotto forma di attacchi contro politici, funzionari pubblici, accademici, attivisti dei diritti umani e giornalisti.

Avendo fatto enormi progressi sul campo di battaglia, i Talebani sembrano ora molto meno interessati alle trattative diplomatiche.

Mosca senza successo, ci prova Istanbul

La settimana scorsa, Mosca - sotto la spinta del ministro degli Esteri, Lavrov - ha ospitato un incontro delle parti interessate nel tentativo di rompere lo stallo, ma anche questo si è concluso senza alcuna proposta concreta.

Il co-fondatore dei Talebani e vice leader, Mullah Abdul Ghani Baradar, al summit di Mosca ha dichiarato: "Gli afgani dovrebbero essere lasciati liberi di decidere il loro destino".

Un'altra Conferenza di pace è prevista per aprile a Istanbul, in Turchia.

Gli Stati Uniti, la Russia e altre parti interessate premono per una forma di governo di transizione, ma per l'attuale presidente dell'Afghanistan, Ashraf Ghani, ciò potrà avvenire soltanto attraverso elezioni democratiche.