ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Colonia: scandalo abusi sessuali nella Chiesa, coinvolti cardinali e vescovi

euronews_icons_loading
Colonia: scandalo abusi sessuali nella Chiesa, coinvolti cardinali e vescovi
Diritti d'autore  Ina Fassbender/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

I vertici della Chiesa cattolica tedesca erano a conoscenza di casi di abusi sessuali su minori, ma non hanno rispettato il dovere di denunciarli e agire di conseguenza.

Oltre 200 i responsabili, 314 le vittime degli abusi sessuali nell’area di Colonia: questo il raccapricciante esito del rapporto presentato dall'arcivescovo di Colonia, cardinale Woelki, in merito all’inchiesta sulle violenze commesse tra il 1975 e il 2018, oltre ad un'altra settantina nel trentennio precedente il '75.

"Le persone con le più alte responsabilità, compresi i miei predecessori - dice l'alto prelato - sono state chiaramente colpevoli in molti casi: da oggi, dire 'non ne avevo idea' non è più possibile e non è più pensabile".

Il defunto predecessore di Woelki, cardinale Joachim Meisner, è accusato di 24 violazioni di obblighi d’ufficio, 11 invece per l'attuale arcivescovo di Amburgo, Stefan Heße (Hesse).

Martin Meissner/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
AP PhotoMartin Meissner/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

"Tenendo conto dei documenti ancora incompleti - afferma l'avvocato BJÖRN GERCKE - ci sono indicazioni di 202 persone accusate ed almeno 314 colpite.

Le cifre che abbiamo presentato poche settimane fa, che erano ancora approssimative, sono quindi accurate quanto le affermazioni dell'arcidiocesi".

Più della metà delle vittime erano bambini di età inferiore ai 14 anni, secondo il rapporto di 800 pagine, ora inviato agli uffici preposti della Santa Sede.

Molti documenti sono stati distrutti nel tempo, in applicazione delle norme del diritto canonico.