ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Fukushima, 10 anni dopo: il rientro degli evacuati e la speranza di una vita normale

Di Euronews
euronews_icons_loading
Fukushima, 10 anni dopo: il rientro degli evacuati e la speranza di una vita normale
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Speciale Spotlight, "10 anni dopo il disastro di Fukushima": Euronews è andata nella regione per incontrare gli abitanti, in particolare gli agricoltori. Molti di loro avevano lasciato la zona dopo la catastrofe. Ora sono tornati.

Il rientro degli evacuati

Sono venuti a Okuma da tutti i villaggi vicini. La centrale di Fukushima Daiichi si trova in questo Comune, situato nel Distretto di Futaba della Prefettura di Fukushima. Nel nuovissimo municipio, gli ex evacuati commemorano il decimo anniversario del disastro e,per formulare desideri e augurare la pace, realizzano le gru origami.

La cerimonia ha luogo nel nuovo quartiere di Okuma: un'area che è ora accessibile e dove la ricostruzione continua nonostante l'epidemia di Covid-19. Le zone non ancora raggiungibili continuano a ridursi.

A marzo 2011, 88.000 persone vivevano nelle aree evacuate della prefettura di Fukushima. Oggi, 14.000 persone sono rientrate nelle zone nuovamente aperte.

Yamamoto Chiyoko risiedeva a Okuma prima del disastro ed è tornata a casa sua: "Quando sono tornata non c'era davvero nulla, solo rifugi e negozi temporanei, ma ora - dice -sono stati costruiti grandi edifici".

Il monitoraggio della radioattività

Ovunque, nella cittadina della centrale, le installazioni misurano la radioattività, che è scesa molto in 10 anni. Il pubblico è costantemente informato, grazie alle analisi effettuate dal Fukushima Research Center.

Secondo, Fukuhara Takemasa, direttore del Dipartimento di indagine e analisi del Centro di Ricerca, "il livello di radioattività nell'aria è misurato in tempo reale in diverse parti della città. Per gli altri elementi, i campioni vengono prelevati da diversi luoghi, come nel caso del suolo e dell'acqua".

Gli edifici sono stati decontaminati, i terreni inquinati sono stati evacuati o coperti con terra sana. A parte il sito della centrale, a Okuma non c'è maggiore radioattività rispetto a quella che si riscontra nelle altre grandi capitali mondiali. La geologia del Giappone è per natura meno radioattiva che altrove, e Chernobyl ha avuto un grande impatto sull'Europa.

La sfida degli agricoltori di Fukushima

Solo due settimane dopo il disastro, Koji Kato e la sua famiglia sono tornati a Fukushima, a 80 km dalla centrale. Innamorati della loro terra, questa coppia di agricoltori produce riso, ma serve anche birra fatta in casa nel loro bar. Chi coltiva la terra nella regione ha sofferto molto dopo il disastro: la fiducia dei consumatori è crollata.

"Fino all'anno scorso ho decontaminato spruzzando i prodotti, il che ha comportato un lavoro extra perché dovevo essere in grado di esportare in modo sicuro. Questa è stata la parte più difficile - spiega Koji Kato - Ma non abbiamo rilevato alcuna radioattività per 5 anni di fila.

Dopo l'incidente nucleare, le esportazioni dalla regione sono diminuite drasticamente. Nonostante gli anni difficili, ora sono raddoppiate rispetto al 2010. Emi Kato è diventata ambasciatrice dei prodotti di Fukushima fino in Francia: "Le reazioni sono state molto buone - racconta - Quando ho detto alla gente che i prodotti erano di Fukushima, in tutti iPpaesi in cui sono andata non ho visto molta apprensione e questo mi ha sorpreso".

Per Koji ed Emi, vivere a Fukushima, come per molti degli sfollati che sono tornati, è un'emozione speciale.

La conclusione nelle parole di Emi Kato: "Ho 4 figli e sarei felice se potessero dire di essere orgogliosi di essere nati qui".