ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Myanmar: l'ambasciatore nel Regno Unito tenta la via diplomatica e chiede un tavolo di negoziati

euronews_icons_loading
Myanmar: l'ambasciatore nel Regno Unito tenta la via diplomatica e chiede un tavolo di negoziati
Diritti d'autore  AP/APTN
Dimensioni di testo Aa Aa

Ancora due vittime nelle proteste popolari in Myanmar.
È avvenuto lunedi nella città di Myitkyina, nello stato di Kachin, al centro del paese.

Le forze di sicurezza hanno sparato a due manifestanti durante lo sciopero generale, proclamato in tutto il Myanmar, contro il colpo di stato militare avvenuto il 1° febbraio scorso.

Sfida al coprifuoco di regime

Nella serata di lunedi, nella più grande città del Myanmar, Yangon, i residenti hanno sfidato il coprifuoco in vigore per cercare di aiutare circa 200 manifestanti anti-golpe intrappolati dalla polizia e sono riusciti a farli fuggire.
Erano stati catturati dalla polizia antisommossa del regime militare, che ha lanciato granate flash mentre stavano compiendo arresti a tappeto.

Le unità della polizia e dell'esercito percorrono i quartieri di Yangon sparando a caso per intimidire i residenti e disturbare il loro sonno, e mettendo in atto decine e decine di arresti.

Possibile la via diplomatica?

Sul fronte diplomatico, l'ambasciatore del Myanmar nel Regno Unito. Kiaw Zwar Minn, ha rotto definitivamente i ponti con la giunta militare al potere, chiedendo che il Premio Nobel Aung San Suu Kyi e il presidente Win Mynt - attualmente agli arresti domiciliari - siano rilasciati immediatamente.
E ha esortato "la via diplomatica" - e l'avvio di un tavolo di negoziati - come unica possibile risposta alla crisi attuale nel proprio paese.

Grafica Euronews
L'appello dell'ambasciatore birmano nel Regno Unito.Grafica Euronews

L'opposizione resiste

Le forze di sicurezza birmane stanno intensificando il loro tentativo di schiacciare l'opposizione, che finora si rifiuta di piegarsi e resiste.

Nelle ultime settimane sono state sparate munizioni vere contro cortei e manifestazioni pacifiche in diverse città dell'ex Birmania: il bilancio è di oltre 50 vittime.