EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Rapper condannato: sesta notte di proteste in Spagna

Proteste a Barcellona contro la condanna del rapper Pablo Hasél
Proteste a Barcellona contro la condanna del rapper Pablo Hasél Diritti d'autore Emilio Morenatti/AP
Diritti d'autore Emilio Morenatti/AP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Scontri tra manifestanti e polizia nel centro di Barcellona

PUBBLICITÀ

Sesta notte di proteste a Barcellona per la condanna a nove mesi prigione del rapper Pablo Hasél, accusato di apologia del terrorismo e vilipendio, per i testi delle sue canzoni e post sui social network a favore dell'ETA e contro l'ex sovrano Juan Carlos. Le manifestazioni sono avvenute anche a Madrid e in altre città spagnole, ma a Barcellona sono degenerate in violenti scontri con la polizia sulle Ramblas.

"Sono qui perché considero ingiusto imprigionare un cantante che ha espresso le sue idee attraverso la musica", dice un dimostrante.

"Penso che viviamo in uno stato di polizia che reprime, e sono venuta a reclamare diritti civili e politici", afferma un'altra manifestante.

Dall'inizio delle proteste, seguite all'arresto del rapper martedì, sono stati effettuati oltre un centinaio di fermi. 

Il caso ha rilanciato la discussione, in corso da anni, sulla cosiddetta "Ley mordaza", la "legge bavaglio" voluta dal governo conservatore di Mariano Rajoy nel 2015 nel contesto della lotta al terrorismo. E ha rafforzato le divisioni all'interno della maggioranza dell'attuale esecutivo guidato dal socialista Pedro Sánchez, perché l'alleato di estrema sinistra Podemos sostiene le ragioni dei manifestanti.

Il Premier ha aperto a una possibile revisione della normativa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rivolta in Spagna per l'arresto del rapper Pablo Hasél

Ecco perché la giustizia spagnola ha condannato un rapper a 9 mesi

"Crimini di espressione", arrestato Pablo Hasél: rap contro la monarchia