ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Processo Open Arms, la città di Barcellona si costituisce parte civile contro Salvini

Di Pablo Ramiro
Il leader della Lega, Matteo Salvini, nel mirino della città di Barcelona
Il leader della Lega, Matteo Salvini, nel mirino della città di Barcelona   -   Diritti d'autore  Mauro Scrobogna/LaPresse
Dimensioni di testo Aa Aa

Il consiglio comunale di Barcellona si costituirà parte civile nell'ambito del processo Open Arms contro l'ex ministro dell'interno italiano, Matteo Salvini.

La sindaca di Barcellona, Ada Colau, lo ha confermato mercoledì nel corso di una visita alla nave di salvataggio della Ong. Il Comune si presenterà dunque come parte accusante nell'ambito del procedimento in cui Salvini potrebbe dover rispondere di sequestro di persona e rifiuto di atti di ufficio.

Siamo ancora nelle fasi dell'udienza preliminare, al via lo scorso 9 gennaio nella città di Palermo.

Salvini potrebbe andare a processo qualora il Gup, Lorenzo Jannelli, dovesse ritenere che l'ex ministro abbia violato le leggi italiane nel negare l'ingresso nel porto di Lampedusa alla nave di salvataggio spagnola Open Arms, con 163 persone a bordo, nell'agosto 2019.

Il giudice ha ammesso al procedimento le accuse di 18 parti civili, tra cui 7 immigrati che viaggiavano sulla barca.

Il Comune di Barcellona, nel 2019, ha siglato un accordo con la ONG, donandole circa mezzo milione di euro (quasi il 35% del totale del progetto), e conferendo all'organizzazione la medaglia d'oro per il merito civico.

Per questo motivo, "il Comune può rivendicare contro Salvini un danno patrimoniale causato dal blocco della nave"; inoltre, indica l'ufficio del sindaco in un comunicato, sussisterebbe un danno d'immagine causato alla città di Barcellona.

"Sia il governo spagnolo che quello italiano volevano farci una multa di un milione di euro. Ora però possiamo vedere, anzi, tutti possono vedere che si è trattato di un'infamia, che siamo stati vittime di un abuso di potere. Le persone che avevano bisogno di aiuto immediato sono state private della loro libertà, come dicono le convenzioni internazionali", spiega Oscar Camps, direttore della ONG, convinto che la sua organizzazione abbia agito nel rispetto dei trattati internazionali e del diritto del mare.

Nei 21 giorni in cui alla barca è stato negato l'attracco, 14 persone si sono buttate in mare cercando di raggiungere terra a nuoto. Fu alla fine il procuratore di Agrigento a consentire lo sbarco dei migranti.

Il procuratore ha parlato di una situazione "di grande disagio fisico e psicologico, di profonda angoscia psicologica, e di altissima tensione emotiva che avrebbe potuto provocare reazioni difficili da controllare, delle quali, inoltre, il tentativo di raggiungere l'isola a nuoto è stato solo un preludio".

Salvini è già comparso in tribunale il 3 ottobre 2020, a Catania, nell'ambito dell'udienza preliminare sulla richiesta di rinvio a giudizio per il caso della nave Gregoretti e dei suoi 131 migranti a bordo. La ONG ritiene che il politico italiano abbia bloccato l'ingresso in porto alla Open Arms per un proprio tornaconto elettorale.

AP Photo
La sindaca di Barcellona, ada Colau, con il direttore di Open Arms, il 27 gennaio 2020AP Photo

L'avvocato di Salvini, Giulia Bongiorno, sostiene che la decisione sia stata presa in blocco da tutto il governo, e che non si sia trattata di un'iniziativa singola dell'allora ministro dell'Interno. Sottolinea inoltre che la Open Arms rifiutò altre alternative di porto di sbarco e che, avendo effettuato il salvataggio in acque libiche e maltesi, ed essendo imbarcazione battente bandiera spagnola, non avrebbe dovuto cercare un porto sicuro in Italia.

L'udienza preliminare del processo Open Arms si è già tenuta, anche se brevemente; tuttavia, il magistrato ha deciso di rinviare la seduta al prossimo 20 marzo 2021. Il luogo scelto è stato simbolico, ovvero il bunker del carcere Ucciardone di Palermo, dove si tenne il maxiprocesso contro la mafia negli anni '80.

Cronologia dei fatti dell'agosto 2019

Nell'agosto 2019, Salvini negò per 21 giorni lo sbarco ad Open Arms sull'isola di Lampedusa ai circa 160 migranti a bordo, salvati dalla Ong da un naufragio. Dopo una serie di evacuazioni parziali, per ragioni medico-sanitarie, rimasero alla fine a bordo 90 persone. Negli ultimi tre giorni, con la barca alla fonda a soli 800 metri dal porto, diversi migranti si buttarono in mare per raggiungere la terraferma.

La prima offerta del governo spagnolo di concedere un porto di sbarco per i migranti arrivò dopo 17 giorni di odissea, ma la Open Arms si rifiutò di fare rotta verso i porti di Algeciras e Mahon, considerati troppo lontani.

L'equipaggio giustificò la propria decisione per ragioni legate alla sicurezza di chi era a bordo e all'impossibilità per la barca di effettuare un viaggio così lungo. Open Arms denunciò anche lo stato di prostrazione fisica e psicologica sia dell'equipaggio sia dei migranti salvati a causa del lungo protrarsi del braccio di ferro politico e diplomatico.

Madrid si decise ad inviare la nave della Marina spagnola "Audaz" per prendere in carico i migranti e scortare la "Open Arms" fino al porto di Maiorca, ma alla fine, nella notte del 20 agosto, la procura di Agrigento diede il via libera agli 83 migranti rimasti a bordo di sbarcare a Lampedusa, mettendo fine all'odissea.

Il procuratore di Agrigento prese questa decisione dopo essere salito a bordo della nave spagnola, accompagnato da diversi medici, per verificare le condizioni dei migranti e la situazione a bordo.