ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Marsiglia, l'acqua (di scarico) che "anticipa" il Covid-19

euronews_icons_loading
Marsiglia, l'acqua (di scarico) che "anticipa" il Covid-19
Diritti d'autore  NICOLAS TUCAT/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

L'acqua (di scarico) protegge Marsiglia.

Nella seconda città più grande della Francia, la lotta contro il Covid-19 prevede anche l'analisi delle fogne.

Da diversi mesi, infatti, sono i vigili del fuoco specializzati che si occupano di prelevare campioni. Hanno iniziato dalle fogne delle case di riposo, dove vivono soggetti fragili e più esposti ai pericoli del virus. .

AP Photo
Pompieri specializzati al lavoro.AP Photo

La mappatura della propagazione del virus ha permesso alle autorità, ad esempio, di evitare la comparsa di focolai in strutture per anziani, adottando in anticipo misure di contenimento.

"È molto importante giocare d'anticipo"

Un esperto di analisi spiega:
"Ci siamo resi conto che con l'acqua di scarico e grazie a pubblicazioni scientifiche internazionali, abbiamo potuto trovare tracce di Covid fino a sei giorni prima della comparsa dei primi sintomi.
Da quando lo facciamo a Marsiglia copriamo 37 punti di raccolta delle acque reflue e questo ci permette di redigere una mappa completa delle contaminazioni con sei giorni di anticipo. È molto importante giocare d'anticipo".

AP Photo
Eric - non ha voluto lasciare il cognome - è l'esperto di analisi contattato da Euronews.AP Photo

Un Osservatorio delle acque di scarico

A livello nazionale, nel marzo 2020 in Francia è stata creata una struttura, denominata Obépine (l'Osservatorio epidemiologico delle acque di scarico).

Fin dalla prima ondata della pandemia, ha permesso di rilevare la presenza di Covid-19 negli impianti di trattamento delle acque reflue francesi.

AP Photo
Gli esperti si preparano a consegnare i risultati delle loro analisi.AP Photo

Una volta comunicate le informazioni raccolte, la popolazione viene allertata dalle autorità in modo da rafforzare, in anticipo, i loro comportamenti di protezione, a fronte di un forte rischio presente proprio nel loro territorio.

"Il contenimento del virus è stato molto efficace, altrimenti i numeri della Francia sarebbero ancora più alti", aggiunge l'esperto di analisi.