ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19, più di 200mila morti in Brasile. Bolsonaro: "La vita continua"

In un cimitero di Manaus, nello stato dell'Amazonas, dove viene interrato il corpo dell'89enne Abilio Ribeiro, una delle 200mila vittime brasiliane della Covid-19
In un cimitero di Manaus, nello stato dell'Amazonas, dove viene interrato il corpo dell'89enne Abilio Ribeiro, una delle 200mila vittime brasiliane della Covid-19   -   Diritti d'autore  Edmar Barros/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

La seconda ondata di pandemia Covid-19 è più spietata della prima. Anche in Brasile, dove si continua a morire sia nelle grandi città sia negli angoli più remoti e profondi del bacino amazzonico.

Il presidente, Jair Bolsonaro, dichiara apertamente di non credere nella vaccinazione e continua a dimostrare profondo cinismo, anche di fronte agli oltre 200mila morti causati dal nuovo coronavirus.

In un aggiornamento settimanale sul suo account Facebook, il capo dello Stato ha detto, tra le altre cose:

Sono rattristato, oggi abbiamo raggiunto i 200mila morti... ma la vita continua...
Jair Bolsonaro
Presidente brasiliano

200.498 morti in un anno di pandemia

Il catastrofico bilancio dei decessi nel primo anno pandemico, certificato dal Ministero della Salute, è salito esattamente a 200.498 morti. Il 7 gennaio 2021, 1.524 persone hanno perso la vita in un solo giorno. Si tratta del secondo record di mortalità stabilito dal gigante sudamericano. Le infezioni delle ultime 24 ore hanno toccato quota 87.843.

Tuttavia, mentre alcuni dei suoi vicini sudamericani, come l'Argentina, hanno lanciato campagne di vaccinazione, il presidente brasiliano la sta tirando per le lunghe.

Anvisa, l'agenzia di regolamentazione del Brasile, procede con lentezza all'approvazione dei vaccini.

Il ministro della Salute, Eduardo Pazuello, ritiene che il via alla campagna vaccinale potrebbe avvenire "nella migliore delle ipotesi il 20 gennaio", se non addirittura "a metà febbraio o all'inizio di marzo".

In quel momento potremmo essere già in piena campagna elettorale.

Jair Bolsonaro ha denunciato in passato l'uso delle mascherine protettive e l'inutilità - a suo dire - del confinamento. Ha detto che è necessario porre fine a "questa vecchia storia di stare a casa e poi occuparsi dell'economia".

Last but not least, il mese scorso ha affermato, con dubbio umorismo:

[Le persone vaccinate] potrebbero trasformarsi in donne barbute o coccodrilli
Jair Bolsonaro
Presidente brasiliano