ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Stati Uniti, ballottaggio in Georgia: la sfida per il controllo del Senato

Di Stefania De Michele
euronews_icons_loading
Stati Uniti, ballottaggio in Georgia: la sfida per il controllo del Senato
Diritti d'autore  Ben Gray/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Tutto ruota attorno alla Georgia, dove il presidente uscente Donald Trump ha arringato i suoi sostenitori: dal ballottaggio per l'elezione dei due senatori, previsto oggi, dipendono infatti i rapporti di forza al Congresso degli Stati Uniti.

Trump insiste: "Vittoria rubata"

Se i Repubblicani dovessero vincere uno o entrambi i posti in palio, manterrebbero il controllo in Senato e potrebbero davvero rappresentare una spina nel fianco dell'amministrazione Biden.
Trump, tuttavia, si è concentrato ancora una volta sulle presidenziali e ha commentato: "Se perdi, ti dici: forse mi ripresenterò di nuovo la prossima volta, forse non lo farò e tornerò alla mia vita. Ma quando vinci a valanga, ti rubano la vittoria e il risultato è alterato non è accettabile".

La chance di Biden al Senato

Anche il presidente eletto Joe Biden è salito sul palco di Atlanta per ringraziare gli elettori, che l'hanno premiato con la vittoria alle presidenziali. Un risultato ancor più importante se si considera che la Georgia è uno Stato di tradizione repubblicana.

Biden ha anche esortato i suoi sostenitori a votare al ballottaggio. Se i Democratici dovessero aggiudicarsi entrambi i seggi andrebbero in parità con i Repubblicani, ma - di fatto - con un voto dem in più: quello della vice presidente Kamala Harris, che presiede l'assemblea.

"Il potere è letteralmente nelle vostre mani - ha dichiarato Biden - a differenza di qualsiasi altro momento della mia carriera, uno Stato può tracciare il percorso, non solo per i prossimi quattro anni, ma per la prossima generazione".

Il tweet di Biden in vista del ballottaggio: "Vi chiedo di dare tutto quello che avete per un giorno in più - perché quel giorno può cambiare l'America".

Ancora una volta, due diverse visioni della nazione si scontreranno, con i candidati repubblicani che abbracciano l'agenda di Trump "America first" e i Democratici che si concentrano sulle politiche liberali. La Georgia va al ballottaggio perché nessuno dei candidati ha raggiunto la maggioranza dei voti alle elezioni di novembre. I sondaggi non si sbilanciano: sarà un testa a testa.

I candidati al Senato

Per i Repubblicani sono David Perdue e Kelly Loeffler.

Perdue è stato eletto al Senato nel 2014. Nel suo curriculum vitae una carriera dirigenziale alla Reebok e presso Dollar General, una catena americana di supermercati.

Loeffler è in carica dal gennaio del 2020 in qualità di senatrice pro tempore per sostituire un collega che aveva rassegnato le dimissioni per problemi di salute. È la prima donna a ricoprire la carica di senatore in Georgia. Suo marito, Jeffrey Sprecher, è il presidente della Borsa di New York; Loeffler è nota in particolare come proprietaria delle Atlanta Dream, squadra di basket femminile di NBA.

Per i Democratici i due candidati sono Jon Ossoff e Raphael Warnock.

Ossoff sfida Perdue, ha 33 anni e - prima della carriera politica in prima persona - è stato collaboratore di un deputato e il titolare di una piccola società inglese che produce documentari.

Warnock è invece pastore alla Ebenezer Baptist Church di Atlanta, la parrocchia di Martin Luther King, cuore della popolosa comunità afroamericana dello Stato.