ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Usa, Trump fa pressione in Georgia: "Trovate i voti, abbiamo vinto"

euronews_icons_loading
Il presidente uscente Usa Donald Trump
Il presidente uscente Usa Donald Trump   -   Diritti d'autore  ANDREW CABALLERO-REYNOLDS/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Ai limiti della legalità, secondo alcuni giuristi. È così, con una telefonata dai toni intimidatori al Segretario di Stato della Georgia, che il presidente uscente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiesto di ''trovare'' i voti necessari a sovvertire il risultato elettorale nello Stato.
La registrazione della chiamata è stata resa pubblica dal Washington Post.

Le pressioni di Trump

Nell'audio si sente chiaramente la richiesta: "Tutto quello che voglio fare è questo. Voglio trovare 11.780 voti, uno in più di quelli che abbiamo. Perché abbiamo vinto lo Stato. Il popolo della Georgia è arrabbiato, il popolo del Paese è arrabbiato. E non c'è niente di male a dire che avete ricalcolato".

Prima dell'uscita dell'intercettazione, Trump ha twittato dicendo che il Segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger "non era disposto, o non era in grado, di rispondere a domande relative a quella che definisce la truffa delle 'schede elettorali'.

La registrazione deflagra in un contesto politico già teso: in Georgia si vota martedì per eleggere 2 senatori che saranno decisivi negli equilibri di forza mentre 12 esponenti repubblicani, sempre in Senato, sostengono di voler contestare la vittoria del Presidente eletto Joe Biden.

I democratici chiedono a Trump le dimissioni immediate, ancor prima del passaggio di consegne del 20 gennaio.

Nancy Pelosi ancora speaker dem

Nancy Pelosi è stata rieletta domenica in qualità di speaker: avrà le redini dell'esile maggioranza della Camera dei Democratici, chiamata ad affrontare un percorso impegnativo di produzione legislativa per affrontare la pandemia e rilanciare l'economia.

"Ci assumiamo una responsabilità ardua come mai", ha dichiarato alla Camera la dem californiana, accettando un nuovo mandato di due ann. Citando i 350.000 americani, che sono morti a causa del Covid-19 e i milioni di persone che hanno perso il lavoro e i mezzi di sussistenza, Pelosi si è aggiudicata una standing ovation quando ha detto: "La nostra priorità più urgente continuerà a essere la lotta contro il coronavirus". E lo sconfiggeremo".

Il leader della minoranza Kevin McCarthy ha accusato Pelosi di aver guidato negli ultimi due anni "il Congresso meno produttivo degli ultimi 50 anni" , affermazioni che i Democratici contestano fortemente. è responsabilità dei Repubblicani, specialmente al Senato - dicono - l'ostruzionismo sugli aiuti legati alla crisi sanitaria".

Pelosi, che guida il suo partito alla Camera dal 2003 ed è l'unica donna ad essere divenuta speaker, ha ricevuto 216 voti contro 209 per McCarthy, che sarà di nuovo il leader della minoranza della Camera.

È stato il primo voto del nuovo Congresso, che si è riunito domenica con le linee guida anti Covid-19.