This content is not available in your region

Covid-19, Merkel: "La pandemia è la grande sfida di questo secolo"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
La Cancelliera tedesca Angela Merkel
La Cancelliera tedesca Angela Merkel   -   Diritti d'autore  Markus Schreiber/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

L'ultimo discorso da Cancelliera nell'anno più difficile. Le conseguenze della pandemia e le prossime sfide per il Paese hanno monopolizzato il tradizionale messaggio di fine anno di Angela Merkel, che ha annunciato da tempo la sua intenzione di non ricandidarsi al termine del suo mandato. Il 2021 sarà quindi il suo ultimo anno da Cancelliera.

"La pandemia è stata e continua ad essere la sfida politica, sociale ed economica del secolo - ha detto Merkel -. È una crisi storica che ha imposto molto a tutti e troppo ad alcuni. So che impegnarsi in questa impresa storica ha richiesto e continua a richiedere una grande fiducia e pazienza da parte vostra. E per questo vi ringrazio di cuore".

Nel suo discorso Emmanuel Macron ha avvertito che i primi mesi del 2021 saranno difficili, ma che l'arrivo dei vaccini permetterà presto di guardare al futuro con rinnovato ottimismo.

"La speranza è con noi, cresce ogni giorno ed alla base della ripresa che in Francia si vede più che altrove - ha detto Macron - Una ripresa che ci permetterà, a partire dalla primavera, di inventare un'economia più forte, che allo stesso tempo crei dei posti di lavoro, sia più innovativa, più rispettosa del clima e della biodiversità e più solidale".

Il 2020 del Regno Unito si è chiuso con lo storico accordo commerciale con Bruxelles che segna l'inizio di una nuova era nei rapporti con l'Europa.

"Questo è stato anche un anno in cui abbiamo riscoperto uno spirito di unione, di comunità - ha detto il premier Boris Johnson -. Un anno in cui i lavoratori hanno fatto il possibile affinché il Paese andasse aventi durante una delle più grande crisi che abbiamo affrontato in generazioni. Abbiamo visto persone unite, determinate, disposte a tutto per proteggere il servizio sanitario nazionale e salvare vite umane".