ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'alleata di Navalny, Lyubov Sobol, è stata fermata e interrogata

euronews_icons_loading
L'alleata di Navalny, Lyubov Sobol, è stata fermata e interrogata
Diritti d'autore  Navalny instagram account/Navalny instagram account
Dimensioni di testo Aa Aa

L'ultimo capitolo nella vicenda dell'avvelenamento di Alxei Navalny, oppositore del presidente russo Vladimir Putin, riguarda l'alleata di Navalny Lyubov Sobol.

Avvocata, 33 anni, aveva annunciato la candidatura alle elezioni parlamentari del 2021. Venerdì le autorità russe le hanno notificato l'apertura di un'inchiesta nei suoi confronti, dopo aver fatto irruzione nel suo appartamento per interrogarla e sequestrare i suoi dispositivi informatici.

Sobol è accusata di violazione di domicilio per aver bussato alla porta di Konstantin Kudryavtsev, l'agente dei servizi segreti russi che, senza sapere di parlare al telefono con Navalny, gli avrebbe confessato il coinvolgimento nell'attentato alla sua vita.

Il Cremlino ha ammesso che gli agenti di sicurezza hanno pedinato Navalny, ma ha negato ogni tentativo di avvelenarlo. "Se avessimo voluto - ha detto il presidente Putin di recente, alla conferenza stampa di fine anno - saremmo andati fino ain fondo".