ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nel pieno della campagna di vaccinazione USA

Access to the comments Commenti
Di euronews e ansa
euronews_icons_loading
Nel pieno della campagna di vaccinazione USA
Diritti d'autore  Jae C. Hong/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Stato per stato avanza la più grande campagna di immunizzazione di massa degli Stati Uniti, la maggiore dai tempi della poliomielite nel 1950. 150 ospedali in tutto il paese stanno ricevendo milioni di fiale del vaccino Pfizer / BioNTech proprio mentre il tasso di mortalità negli USA ha ufficialmente superato le 300.000 persone.

Il tweet del presidente uscente

Donald Trump ha risposto al programma del vaccino con un tweet congratulandosi prima di tutto con gli Stati Uniti. Gli esperti indicano in 100 milioni gli americani che saranno vaccinati entro febbraio o marzo, mentre il resto della popolazione dovrà attendere almeno fino alla primavera o l'estate. I primi a cui il vaccino viene somministrato sono i medici e il personale in prima linea nella battaglia contro il Covid negli ospedali. Subito dopo spetterà alle case di cura per anziani.

Il vaccino alla Casa Bianca

Per i dipendenti della Casa Bianca i tempi saranno invece più lunghi delle previsioni iniziali. Il tentativo di Donald Trump di equipararli al personale medico in prima linea è fallito, costringendo il presidente a fare marcia indietro e ammettere che "dovrebbero ricevere il vaccino un po' più tardi nel programma". Non è chiaro cosa abbia fatto cambiare idea a Trump, che vedeva nella vaccinazione di massa alla Casa Bianca una modalità per rassicurare la popolazione sulla sicurezza del vaccino. Un'idea, quella del presidente, che però si è scontrata con la realtà: se intorno al vaccino resta scetticismo, le perplessità sono ancora maggiori intorno alla vaccinazione di massa della Casa Bianca vista più come un favore del presidente ai suoi che come modalità per rassicurare la gente. Certo l'epidemia continua a devastare il paese. Si calcola che solo i ricoverato in tutti gli USA siano quasi 110 mila.

Situazione in Canada

Anche il Canada ha iniziato il suo programma di vaccinazione seguendo la prassi di tutti cioè prima medici, infermieri e anziani. La prima dose è stata somministrata a Toronto, anche qui ad uno dei sanitari che lavorano in prima linea contro la pandemia. Il Canada è stato il terzo paese ad approvare il vaccino Pfizer dopo Regno Unito e Bahrein. Il Paese riceverà fino a 249.000 dosi di vaccino entro dicembre.