ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Brexit: il prezzo del no deal peserebbe sui consumatori

euronews_icons_loading
Brexit: il prezzo del no deal peserebbe sui consumatori
Diritti d'autore  Alberto Pezzali/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Spinta sull'acceleratore per trovare un accordo tra Gran Bretagna e Unione europea prima della fine dell'anno. Il tempo è limitato, ma entrambe le parti sembrano intenzionate a non lasciare il tavolo fino all'ultimo. Commercianti e imprenditori sono in fibrillazione. Un'uscita senza accordo avrebbe conseguenze non solo per le imprese britanniche ma anche per quelle dell'Europa continentale, la cui economia è legata all'oltremanica.

"Siamo a 2 settimane dall'uscita e non sappiamo ancora quali saranno le regole e quindi non possiamo organizzarci. Abbiamo ribadito che il 31 dicembre è il momento peggiore dell'anno per fare qualsiasi switch-over, perché siamo già sotto pressione per il Natale, i magazzini sono pieni in vista delle feste. Quindi la catena di distribuzione ha già molto da fare. Quest'anno poi siamo sotto pressione anche a causa delle restrizioni Covid che hanno influito sul modo di lavorare, rallentando un po' tutto. E quindi questo è il terzo carico che mettono sulla catena di distribuzione, se - come appare - andiamo verso il no deal" dice Tim Ryecroft della Food and Drink Federation.

Come portare le merci nell'Irlanda del Nord dopo la Brexit, lo schema dell'associazione dei produttori

Secondo l'associazione di produttori le tariffe cresceranno del 23 percento sull'importazione di prodotti alimentari e il 18 percento sull'export. E' chiaro che questo sarà un sovrapprezzo a carico dei consumatori.

Mentre le negoziazioni continuano, aumenta la preoccupazione sull'eventualità di una Brexit senza accordo. I supermercati si chiedono se le nuove tariffe comporteranno un aumento dei prezzi a discapito dei consumatori. Le grandi catene come Tesco parlano di aumenti fino al 5% nel nuovo anno, entro la fine di febbraio, quindi la paura è che i normali cittadini saranno quelli che pagheranno il prezzo più alto di un eventuale no-deal.