ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vela: Vendée Globe sempre più al femminile

euronews_icons_loading
Vela: Vendée Globe sempre più al femminile
Diritti d'autore  ©Eloi Stichelbaut - polaRYSE / Initiatives Coeur
Dimensioni di testo Aa Aa

La regata Vendée Globe, giro del mondo in solitaria in barca a vela, è sempre più storia di donne: nella nona edizione, infatti, sei dei 32 skipper attualmente in gara sono esponenti del gentil sesso.

Una presenza importante per la britannica Sam Davies che, al timone della barca a vela Initiatives-Coeur, è l'unica ad aver già intrapreso questa avventura in passato, quarta nell'edizione 2008/2009.

"È fantastico che ci siano sei donne in quest'edizione - dice - penso che mostri l'evoluzione della parità di genere, spero che ciò che stiamo facendo ispirerà altre giovani donne".

Se l'ambizione competitiva è presente nello spirito di queste partecipanti, per alcune invece la partecipazione implica principalmente attirare l'attenzione su questioni più ampie.

"Ho visto gli oceani cambiare negli ultimi dieci anni - afferma Alexia Barrier, skipper di TSE - 4MyPlanet - c'è più inquinamento ed anche molti meno pesci nelle acque.

Tutto ciò è dovuto, in particolare, alla mano dell'uomo: se continuiamo così, tra 30 anni non ci saranno altro che meduse e plastica nell'acqua.

Ho creato 4MyPlanet in particolare per la salvaguardia degli oceani, raccogliendo dati sulle acque durante ciascuna delle gare cui ho partecipato".

"Rendo grazie per questo mondo incredibile, meraviglioso e naturale in cui viviamo: dobbiamo mantenerlo così", dice invece la britannica Pip Hare, skipper dell'imbarcazione bretone Medallia.

In una regata solitaria e senza assistenza, tutti devono dedicare parte del tempo a bordo ad effettuare riparazioni e aggiustamenti vari.

Compiti ardui, che tuttavia possono regalare momenti inaspettati, come quello che è successo alla transalpina Clarisse Crémer (skipper della Banque Populaire X), che ha trovato una sprta di clandestino.

"C'è un piccolo granchio in questo scompartimento - dice - è un posto dove l'acqua può entrare dall'esterno, non appena punto la luce si nasconde.

Ho avuto uccelli sulla mia barca a vela, ma un granchio... c'è un piccolo ecosistema qui, immagino possa resistere a lungo".