This content is not available in your region

Dubai, la città accessibile: politiche di inclusione nella città d'oro

euronews_icons_loading
Dubai, la città accessibile: politiche di inclusione nella città d'oro
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai
Dimensioni di testo Aa Aa

Dubai è una città unica al mondo con così tanto da scoprire, quindi potrebbe non essere una sorpresa che questo ex deserto sia oggi una delle città più accessibili della Terra.

Nel 2016, gli Emirati Arabi Uniti hanno adottato il termine "persone determinate" invece di "disabili" in riconoscimento dei loro risultati in diversi campi. Con il cambiamento sono arrivate leggi per garantire l'uguaglianza, l'accessibilità e la non discriminazione.

Questo include politiche di sviluppo sociale e uno dei promotori del processo è il Rashid Centre for People of Determination, dove si forniscono servizi educativi integrati e una serie di terapie.

Mariam Othman è il direttore generale del Rashid Center for People of Determination: "Da quando ho iniziato nel 1994 molte cose sono cambiate - dice - voglio dire, credo che il governo degli Emirati Arabi Uniti abbia fatto molto per questi ragazzi. L'idea è quella di dare loro davvero l'opportunità di godere dei loro diritti. E di garantire tutte le strutture che gli consentano di far parte della società. Ora, abbiamo bambini o studenti che lavorano in banche e alberghi, oltre che in alcuni settori del governo. Hanno qualche problema, ma possono comunque essere indipendenti".

A molti Dubai evoca immagini di una città scintillante con gli edifici più alti del mondo, alcuni dei centri commerciali più grandi e delle migliori attrazioni turistiche.

I trasporti, il primo parametro di accessibilità

Ma se si vuole vivere qui, o anche solo visitarla, quanto è accessibile la città alle persone di diversa abilità? Al centro dell'accessibilità c'è il modo in cui tutti noi andiamo da A a B.

Muhammad al Muttawa, responsabile della Sostenibilità e della Green Economy della RTA (l'Autorità per le Strade e i Trasporti), spiega: "Abbiamo la metropolitana, il tram, abbiamo le diverse reti di autobus e la rete su acqua. E i taxi, se non si è disposti a usare i mezzi pubblici. Se si pianifica il viaggio in anticipo, si può andare verso qualsiasi destinazione, a Dubai, senza problemi. Tutte le modalità di trasporto hanno incluso specificamente le esigenze delle cosiddette ''persone determinate'' in modo da assicurarsi che il loro viaggio sia facile. È possibile fare molte attività, sia che siate su una sedia a rotelle o che siate in una diversa categoria di persone determinate".

Non solo la nuova Dubai

Benvenuti nel centro del quartiere storico di Dubai. Dietro di me c'è il Forte Al Fahidi. È stato costruito più di 300 anni fa ed è una delle più antiche mura esistenti in città. Ora, abbiamo visto quanto sia accessibile la nuova Dubai, ma ciò che potrebbe sorprenderci è che questo museo è stato lodato a livello locale e internazionale per la sua accessibilità.

Shobhika Kalra, fondatrice e CEO di Wings of Angelz, una delle persone determinate racconta che "l'approccio delle persone in questo posto è quello di preoccuparsi l'uno dell'altro e di sforzarsi di rendere il luogo accessibile a tutti. Sono molto indipendente da quando ero giovane - aggiunge - e non sarebbe giusto che questa indipendenza mi fosse negata".

Formazione per le 'persone determinate'

È quell'indipendenza di cui parla Kalra che sta al centro della strategia di Dubai North Start: fornire formazione, istruzione e percorsi di carriera per persone determinate.

Secondo Rich Hadnum, managing partner della North Start, "le organizzazioni inclusive hanno dimostrato di generare profitti più elevati rispetto alle altre. A parte questo, una persona su sette a livello globale è classificata come persona determinata e il tasso di disoccupazione può raggiungere il 70-80 per cento anche nei Paesi economicamente sviluppati. Quindi, c'è un enorme mercato per fornire supporto e aiutare queste persone a trovare carriere adeguate".

La testimonianza di Mohamed

Uno di questi collocamenti di successo è Mohamed Al Mulla, ora ambasciatore della comunità di Zabeel House, un vivace hotel di quartiere.

Mohamed testimonia come sia riuscito ad affrontare le difficoltà: "Pensavo che fosse il momento più difficile da affrontare, ma poi ho capito che il mio lavoro sarebbe stato molto più facile se avessi potuto mostrare le mie capacità. Sono bravissimo a lavorare qui. Voglio rendere la mia famiglia così orgogliosa di me, di come sono bravo a gestire il lavoro. E voglio anche rendere la mia vita un posto migliore in cui vivere".

Luke James è il general manager di Zabeel House a Jumeirah. Spende parole entusiaste in relazione al lavoro di Mohamed: "È stato sottoposto a un rigoroso processo di selezione. Si è trovato di fronte circa nove o dieci candidati. E lo avete visto qui oggi. Ha appena illuminato la stanza. Dà il benvenuto a tutti i nostri vicini, mette loro un sorriso sul volto. Quindi, ha un talento naturale. Era il più adatto al lavoro. Ed è con noi da quasi un anno ormai".

Questo è il messaggio da Dubai: tolleranza e apertura mentale sono ciò che ha contribuito a far sì che la città diventasse casa di una popolazione multiculturale e diversificata.