ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dubai dichiara guerra alla plastica monouso

euronews_icons_loading
Dubai dichiara guerra alla plastica monouso
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Più di 300 milioni di tonnellate di plastica vengono prodotti ogni anno nel mondo, e i rifiuti di plastica sono una delle maggiori cause d'inquinamento. La città di Dubai ha deciso di agire contro questa piaga dei tempi moderni.

Stop alla plastica negli aeroporti

L'aeroporto internazionale di Dubai e il Dubai World Central accolgono quasi 90 milioni di passeggeri all'anno. E con i passeggeri arrivano 5.500 tonnellate di plastica. O arrivavano. Perché all'inizio dell'anno Dubai Airports, gestore dei due scali, ha vietato la plastica monouso all'interno dei terminal. Questo significa che in bar e ristoranti sarà proibita la distribuzione di posate e bottiglie di plastica, cannucce, confezioni e sacchetti in polietilene. In che modo? Risponde Eugene Barry di Dubai Airports: "Il 95 per cento dei nostri partner si è impegnato a passare dalla plastica a sostituti appropriati e pertinenti per alcuni dei prodotti che usano nel catering e nella vendita al dettaglio in tutto l'aeroporto".

Al momento l'implementazione del divieto sta attraversando la prima fase. Dubai Airports spera che questa strategia possa diventare un modello per altri hub e insegne di rilevanza internazionale. "Alcuni dei nostri partner, come McDonald's, Costa, Prêt à Manger e alcuni dei nostri marchi locali come Tree House e Transee - svela Barry - hanno già introdotto prodotti che rappresentano alternative alla plastica appropriate ed ecologiche. Credo siano le prime fasi di un lungo viaggio verso un approccio più rispettoso dell'ambiente nella gestione delle attività commerciali".

Dalla bottiglia di vetro al sacchetto ricavato dalla manioca

Finita la comodità della plastica monouso, le imprese si sono dovute adattare. Ma quali sono le alternative? La risposta si trova in parte nei 700 alberghi di Dubai. Semplici modifiche, come il passaggio delle bottiglie d'acqua dalla plastica al vetro, stanno iniziando a lasciare il segno. E le key-card di plastica potrebbero presto diventare un ricordo del passato, una volta che si riuscirà a produrne con materiali a base di legno.

Nello stabilimento di Avani la domanda per queste alternative alla plastica sta quasi superando l'offerta, sostiene il consigliere delegato Peter Avram: "Il settore privato è in prima linea nella lotta alla pandemia della plastica monouso. Fino a un paio d'anni fa non avevamo vere e proprie soluzioni, in particolare per i sacchetti. Questo sacchetto che potete vedere qui - prosegue mostrandoci l'oggetto - è fatto con un tubero che si chiama manioca. Si mescola con olio vegetale e si trasforma in una sorta di chicchi. Questi chicchi vengono poi lavorati da una macchina che li fonde e poi li trasforma in una pellicola, che viene tagliata e messa in forma. Abbiamo già un paio di clienti a cui vendiamo i sacchetti, come Virgin Megastore. Abbiamo anche un paio di operatori più piccoli che li usano. In questo modo riduciamo il consumo di sacchetti di plastica di oltre il 50 per cento, e questo è il contributo più importante che possiamo dare".

Popolazione e imprese alleate nella lotta alla plastica monouso

A Dubai sta cambiando anche l'atteggiamento del pubblico nei confronti della plastica monouso.

Il 90 per cento delle persone si sta impegnando a ridurre il consumo di rifiuti di plastica. Quasi 4 persone su 5 dicono che riciclano più di cinque anni fa. E una su quattro si sente spinta a riciclare di più dalle iniziative di che promuovono la riduzione della plastica.

euronews

Le imprese sanno che la transizione avrà ricadute finanziarie, ma per molti, come il ristoratore Tom Arnel, semplicemente non è più possibile continuare a usare plastica: "Sono padre di tre bambini. Porto spesso la mia famiglia al mare, e quando penso alla quantità di plastica che si accumula sulla sabbia e negli oceani, mi sembra una pazzia. Il nostro impatto sull'ambiente è enorme. Noi serviamo migliaia di clienti alla settimana, e ogni piccola cosa che possiamo fare contribuisce a migliorare la situazione. Bisogna solo cercare di capire dove si trova la plastica monouso. Tutte le tazze di plastica, le ciotole, i piatti e le posate da asporto in plastica, tutte queste cose in cucina sono state sostituite con oggetti rispettosi dell'ambiente. La reazione dei nostri clienti è stata incredibile. Se ciascuno di noi fa la sua parte, dovremmo riuscire a cambiare le cose insieme".

Un messaggio semplice e chiaro: abbandonare la plastica monouso è qualcosa che può essere fatto solo insieme. E Dubai ha deciso di dare l'esempio.