ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Il vaccino Sputnik è sicuro", parola di Chizhov, l'ambasciatore russo presso l'Ue

euronews_icons_loading
"Il vaccino Sputnik è sicuro", parola di Chizhov, l'ambasciatore russo presso l'Ue
Diritti d'autore  Vladimir Chizhov Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il vaccino russo Sputnik è stato il primo ad essere brevettato ma nessuno sembra volerlo. Andrei Beketov di euronews ha intervistato, a riguardo, l’ambasciatore e Rappresentante permanente della Russia presso l'Unione europea, Vladimir Chizhov.

Bruxelles ha già firmato molti contratti con aziende di diversi paesi per la fornitura del vaccino contro Covid-19. La Russia a che punto è con il vaccino, è già disponibile?

"Direi che il primo vaccino certificato al mondo, contro il Covid-19, è stato lo Sputnik russo. Ma vista l'ampia diffusione della pandemia il vero problema ora non è aver il vaccino, ma produrlo e distribuirlo su larga scala. A questo proposito, la Federazione Russa invita gli altri paesi a stabilire in loco le proprie produzioni del vaccino brevettato dai nostri scienziati. Finora che io sappia, tra gli Stati membri dell’Unione europea l'Ungheria l’ha già fatto".

Al momento però, il vaccino russo non gode di molta fiducia neanche da parte dei mercati finanziari che non hanno reagito al suo annuncio, contrariamente a quanto accaduto con Moderna e Pfizer.

"La fiducia la creano le persone, inclusi i suoi colleghi giornalisti. Quanto alle fondamenta di tale fiducia, visto che parliamo di un prodotto medico, ci si basa sui risultati scientifici. Dai dati disponibili sui test pervenuti per lo Sputnik: la sua efficienza è del 92%. Con questo non voglio lanciare una competizione con gli altri. Tutt'altro, credo che le formule di questi vaccini non debbano divenire una sorta di segreto".

Sia a Mosca che a Bruxelles, tutti sperano di poter allentare le misure restrittive in vista delle feste di Natale e Capodanno, cosa ne pensa?

"Temo che l'abbassamento della guardia dovuto alle vacanze possa sfociare in una terza ondata. Un cambiamento radicale della situazione sarà possibile solo quando il vaccino sarà distribuito in modo efficace e in quantità sufficienti. Questo, mi pare abbastanza ovvio, non sarà possibile prima di Natale".

Journalist name • Andrei Beketov