ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sfida Regno Unito-Francia all'ultima bottiglia di Beaujolais

Access to the comments Commenti
Di Luke Hanrahan - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
euronews_icons_loading
Sfida Regno Unito-Francia all'ultima bottiglia di Beaujolais
Diritti d'autore  Capture d'écran
Dimensioni di testo Aa Aa

In un vigneto delle Midlands è stato creato il primo Beaujolais inglese: cosi i viticoltori del Regno Unito tentano di sfidare i francesi.

Herefordshire o Borgogna?

La contea dell'Herefordshire è, forse, l'ultimo posto al mondo in cui si potrebbe immaginare di produrre un vino che possa fare concorrenza alla Borgogna.
E invece, è tutto vero.

Possibile?

In parte è anche grazie all'aumento delle temperature estive.

Un viticoltore ed enologo, Simon Day, ha prodotto il suo "British Beaujolais" e ha firmato un contratto per vendere il suo vino ad una catena di supermercati di fascia alta.

Temperature più calde, ma non solo

Merito dell'aumento delle temperature estive nel Regno Unito, certo, ma anche di un cambio di abitudini: l'uva e il vino piacciono sempre di più agli inglesi.
Non si vive di sola birra.

Simon Day, viticoltore di seconda generazione, è anche un biochimico e ha girato il mondo studiando le tecniche di vinificazione.
Le mette in pratica nella sua cantina "Sixteen Redges Vineyard" di Ledbury,

"Essere un biochimico", spiega, "aiuta la scienza della vinificazione, ma le cose principali su cui si fa affidamento sono il naso e la paletta...".

Euronews
Simon Day all'opera.Euronews

La produzione di vino qui è diversa dai metodi tradizionali: si fa la macerazione carbonica.
Che mantiene il succo all'interno dell'uva, accelerando il processo di fermentazione.

Il risultato delle uve di quest'anno: 2.500 bottiglie. Meglio il Beaujolais inglese che quello francese, dicono qui.

"Sempre più caldo: male per le mele, bene per l'uva"

L'inviato di Euronews, Luke Hanrahan, spiega:
"Il ritmo del cambiamento climatico si può riassumere guardando le mele: ad un certo punto la mela era l'unico frutto che coltivavano in questa fattoria nell'Herefordshire, ora matura tre settimane prima di una volta. Ma con il peggiorare delle condizioni per le mele, migliorano per l'uva".

Euronews
Luke Hanrahan nelle campagne dell'Herefordshire.Euronews

Ci sono prove storiche e documenti che dimostrano che nel 1200 qui si coltivava la vite. Il vino non è dunque una novità per il Regno Unito.

Ma lo sono i vitigni di Pinot Nero.

"Prevedo difficoltà per i vini dell'Europa meridionale"

Continua Simon Day:
"Fin dall'inizio ho capito che l'uva era di eccellente qualità... Il clima sempre più caldo gioverà alle nostre regioni e vedrà la coltivazione dell'uva andare sempre più a nord nei prossimi decenni. Nell'Europa meridionale saranno alle prese con livelli di zucchero molto alti e il rischio è il peggioramento della qualità del vino che si ottiene da quelle uve...".

Per Simon questo è il il suo miglior vino rosso di sempre, maturato durante l'estate più calda di sempre dell'emisfero nord.

Potrebbe il Beaujolais britannico, un giorno, a superare i mitici vini della Borgogna francese...

Euronews
Il vigneto di "British Beaujolais".Euronews