ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: dopo sette mesi anche in Argentina riaprono le scuole

euronews_icons_loading
Una lezione all'aperto nel giorno della riapertura delle scuole in Argentina
Una lezione all'aperto nel giorno della riapertura delle scuole in Argentina   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo sette mesi anche in Argentina riaprono le scuole. Nella capitale Buenos Aires sono circa 70mila gli studenti che torneranno gradualmente sui banchi.

Classi ridotte e un rigido protocollo sanitario per cominciare un parziale ritorno alla normalità. Previsto un ritorno a scuola su più turni, con gruppi di massimo 10 studenti a cui non sarà permesso incrociarsi, in modo da non dover chiudere l'intero istituto in caso di contagio.

Ciascun gruppo inoltre entrerà in classe a distanza di mezz'ora l'uno dall'altro. La riapertura riguarda per il momento solo le scuole pubbliche, ma anche quelle private otterranno il via libera una volta che avranno garantito di essere in grado di applicare il nuovo protocollo. L'obiettivo del governo è quello di arrivare alla riapertura di tutte le scuole entro la fine del mese.

Il no dei sindacati alla riapertura

I principali sindacati degli insegnanti hanno criticato la decisione di riaprire delle scuole, sostenendo che dovrebbereo restare chiuse finché il numero di contagi resta così alto.

Dall'inizione della pandemia l'Argentina ha registrato più di 917mila casi di Covid, cifra che ne fa il sesto paese al mondo per numero di contagi. Le vittime sono state più di 24mila.

La pandemia si sta diffondendo nell'entroterra, anche se lunedì scorso Buenos Aires ha nuovamente guidato la classifica dei contagi, con più di 4600 infezioni in 24 ore.