EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Sempre più tunisini rischiano la vita nel Mediterraneo per un futuro migliore

Sempre più tunisini rischiano la vita nel Mediterraneo per un futuro migliore
Diritti d'autore ناريمان المفتي/أ ب
Diritti d'autore ناريمان المفتي/أ ب
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da inizio anno circa 10.000 tunisini hanno attraversato i 130 km fino alla Sicilia, la metà circa dei 23.517 migranti arrivati in Italia in 9 mesi

PUBBLICITÀ

Un tempo erano solo i giovani disoccupati che salpavano dalle coste tunisine alla volta della Sicilia, rischiando la propria vita nel Mediterraneo, per un futuro migliore. Oggi - e nonostante le possibilità di ottenere l'asilo in Europa siano ben inferiori rispetto a quelle di essere espulsi - lo fanno anche persone e famiglie che hanno un lavoro o buone prospettive.

Tarek Aloui ha 27 anni e dal 2014 ha già tentato la traversata 10 volte. Ci è riuscito solo una volta, a marzo, durante il lockdown, ed è stato espulso quasi subito. Tornato in Tunisia, è stato in carcere per sei mesi. "Mio figlio ha un mese e mezzo e se dovessi avere la possibilità di emigrare immediatamente, lo farei", spiega Tarek. "Vi assicuro che partirei immediatamente, anche sapendo di poter morire. Il problema è che non ho abbastanza soldi per pagare il viaggio. Tutti qui, uomini, donne e bambini vogliono partire". 

Il 42% dei migranti sbarcati in Italia nel 2020 sono tunisini

Secondo le cifre pubblicate dal Viminale nei giorni scorsi, dall'inizio dell'anno, circa 10.000 tunisini hanno attraversato i 130 km nel Mediterraneo fino alla Sicilia. Quasi la metà dei 23.517 migranti arrivati in Italia negli ultimi 9 mesi. Cifre triplicate rispetto al 2019, ma ben lontane dai quasi 120.000 del 2017 (e nel 2016 erano stati oltre 181.000). Quell'anno, i migranti tunisini rappresentavano solo il 5%.

Romdhane Ben Amor, portavoce dell'ong Forum tunisino per i diritti economici e sociali (Ftdes), spiega che queste cifre non si vedevano dal 2011, quando scoppiò la primavera araba. Oggi, però, qualcosa è cambiato rispetto ad allora. "Tra coloro che se ne vanno, oggi ci sono laureati e persone con un lavoro", dichiara. "Famiglie che prima si opponevano all'emigrazione dei propri figli, oggi non si oppongono più e, anzi, a volte finanziano l'attraversata".

Secondo Ben Amor, tra le 150 e le 200 famiglie tunisine sono riuscite a eludere i controlli della guardia costiera locale. I loro arrivi hanno messo a dura prova la capacità delle regioni del Sud Italia di accoglierli, soprattutto durante la pandemia. 

La ministra degli Interni italiana, Luciana Lamorgese, si è recata a Tunisi due volte da luglio, per negoziare con il nuovo governo la necessità di arginare il flusso migratorio. Roma ha offerto la propria assistenza per un migliore pattugliamento delle coste.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni

Migranti, i centri in Albania saranno pronti solo in autunno

Assange, a Londra si decide su estradizione del fondatore di WIkileaks negli Usa: proteste a Roma