ULTIM'ORA
This content is not available in your region

A Tunisi Di Maio e Lamorgese: soldi in cambio di controlli

euronews_icons_loading
A Tunisi Di Maio e Lamorgese: soldi in cambio di controlli
Diritti d'autore  ALBERTO PIZZOLI/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Undici milioni di euro del governo italiano alla Tunisia, per rafforzare i controlli sulle coste e ostacolare le partenze verso l'Italia. È uno dei risultati della visita a Tunisi dei ministri Di Maio e Lamorgese, che hanno avuto incontri col presidente Saied, il premier incaricato Mechichi e il ministro dell'Interno a interim, Enneifer.

Le delegazioni hanno anche deciso il riavvio dell'accordo sui rimpatri stipulato l'anno scorso e finora sospeso per la pandemia, ipotizzando un aumento del tetto di 80 a settimana e definendo procedure semplificate.

Secondo alcuni dati dall'inizio dell'anno sarebbero sbarcati in Italia circa 6500 cittadini tunisini in prevalenza giovani spinti a emigrare dalla grave crisi economica e politica che da anni colpisce il paese nordafricano.

Il tema degli sbarchi dalla Tunisia è da mesi al centro delle preoccupazioni del governo italiano. Il mese scorso la ministra Lamorgese era già stata a Tunisi per analizzare la questione e definire le iniziative congiunte.