ULTIM'ORA
This content is not available in your region

E se l'Europa approvasse un atto per congelare i beni di chi viola i diritti umani?

euronews_icons_loading
E se l'Europa approvasse un atto per congelare i beni di chi viola i diritti umani?
Diritti d'autore  AP/TUT.by
Dimensioni di testo Aa Aa

Uno State of the Union pieno di novità. È stata una settimana molto intensa per l'uomo forte della Bielorussia Alexander Lukashenko.

Dopo aver rivendicato la vittoria in un'elezione contestata che l'opposizione ha descritto come massicciamente truccata, ha tenuto frettolosamente, e in segreto la sua inaugurazione presidenziale. Niente pubblico, niente proteste. Solo strade pulite e vuote.

Anche Lukashenko, diplomaticamente però, potrebbe rilassarsi. I ministri degli esteri dell'UE non sono stati in grado di concordare sanzioni contro di lui, deferendo la questione ai capi di Stato e di governo. Ma il loro incontro al vertice di questa settimana è stato annullato, perché il presidente del Consiglio Charles Michel ha dovuto mettersi in quarantena dopo essere stato in contatto con un collaboratore infetto da Covid.

Nessuna sanzione ancora - nonostante il leader dell'opposizione bielorussa Svetlana Tsikhanouskaya abbia visitato Bruxelles questa settimana, supplicando l'UE di essere dura con Lukashenko.

Svetlana Tsikhanouskaya: "Ci aspettiamo che non riconoscano Lukashenko come legittimo presidente del nostro paese. Sono per imporre sanzioni a tutti coloro che sono coinvolti in violazioni nel nostro paese".

A bloccare le sanzioni è stata Cipro. Il paese ha insistito per misure parallele contro la Turchia.

Non che questo abbia nulla a che fare con la Bielorussia, piuttosto con gli interessi nazionali di Cipro.

Cipro e la Grecia sono da anni in disaccordo sui confini marittimi per lo sfruttamento commerciale e ora vogliono punire la Turchia, cosa molto controversa all'interno dell'UE.

Questa non è l'unica crisi diplomatica casalinga che l'UE sta affrontando.

Questa settimana la Commissione ha presentato una proposta per una nuova politica di migrazione, l'argomento più controverso in Europa.

Ursula von der Leyen spera nel sostegno di tutti, ma la nemesi di lunga data dell'Ungheria sta già chiarendo che ci sarà una nuova politica solo se sarà esattamente come la vecchia politica.

Balazs Hidveghi MEP di Fidesz: “La posizione dell'Ungheria è stata chiarissima. Dal 2015 abbiamo detto no all'immigrazione illegale, diciamo no alla ricollocazione e alle quote, nulla è cambiato in tal senso, quindi rifiutiamo queste nozioni. (...)"

Iran, un campo minato per la diplomazia europea.

È un argomento che ha profondamente diviso gli alleati europei e gli Stati Uniti, dopo che Donald Trump aveva praticamente dato alle fiamme l'accordo sul nucleare iraniano.

Ora, poche settimane prima delle elezioni presidenziali statunitensi, Trump sta giocando di nuovo la carta dell'Iran per raccogliere sostegno per la sua prima diplomazia americana, che in realtà non ha molto a che fare con la diplomazia.

Abbiamo intervistato Sascha Lohmann, ricercatore presso l'Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato uno snapback delle sanzioni delle Nazioni Unite all'Iran che erano state revocate in base all'accordo nucleare del 2015 e minacciavano conseguenze per i membri delle Nazioni Unite che non collaborano. Ma i paesi europei che hanno aderito a quell'accordo hanno reagito solo con un grande sbadiglio. Cosa potrebbero realisticamente temere adesso?

"Realisticamente tutti potrebbero temere una rigorosa applicazione delle sanzioni unilaterali degli Stati Uniti, ma immagino che dal momento che hanno il loro embargo sulle armi in vigore fino al 2023, vedremo davvero che le sanzioni statunitensi più recentemente imposte saranno effettivamente applicate. Questo potrebbe essere l'ultimo chiodo sulla bara di quello che fu l'accordo sul nucleare iraniano".

Quando l'amministrazione Trump ha abbandonato l'accordo nucleare iraniano due anni fa, ha optato per una politica di massima pressione che non ha ancora prodotto risultati. È stato un errore di calcolo di Trump?

"Non è stata una politica deliberata, per così dire, di tentare di sabotare e infine distruggere l'accordo. A causa della diplomazia europea e della cooperazione iraniana in larga misura abbiamo visto che fondamentalmente fino ad ora questa politica equivaleva a una ferita inflitta alla politica estera degli Stati Uniti. Ma potrebbe anche mettere a repentaglio il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite come elemento importante dell'ordine internazionale basato su regole. Quindi la ferita autoinferta nella politica estera degli Stati Uniti potrebbe estendersi anche al regno internazionale".

Il presidente iraniano ha usato il suo discorso all'Assemblea generale delle Nazioni Unite questa settimana per inviare un messaggio di resistenza e resilienza agli Stati Uniti. Questo potrebbe creare una resa dei conti tra i due paesi. Cosa ti aspetti?"

"Penso che gli europei e gli iraniani insieme a cinesi e russi sperino in una presidenza Biden, altrimenti le due parti sono dirette allo scontro. Se ci fosse una rielezione del presidente Trump, ciò potrebbe persino portare a un'escalation militare e abbiamo assistito a molti incidenti nel corso del 2019 e del 2020 nel Golfo Persico e oltre. Quindi questa sarebbe una situazione altamente volatile e pericolosa".

E se Trump perde le elezioni, un'amministrazione Biden tornerà all'accordo sul nucleare?

"Beh, ha detto che si unirà nuovamente all'accordo a condizione che anche gli iraniani si adeguino, quindi è questa la sfida rispetto a ciò che stiamo affrontando. E il modo in cui questo tipo di approccio in due fasi sarà affrontato: È fondamentale quando verranno revocate le sanzioni statunitensi e dobbiamo vedere quindi cosa farà la controparte iraniana.

Un Magnitsky Act per l'Europa?

Un noto critico del Cremlino ha chiesto all'Europa di reprimere possibili interferenze e abusi russi. Bill Browder vuole che l'UE introduca il proprio Magnitsky Act. La legislazione prende il nome da Sergei Magnitsky, un avvocato russo che è stato imprigionato e torturato a morte per aver indagato sulla corruzione governativa ad alto livello.

Così Bill Browder: "Ebbene, il Magnitsky Act è un atto legislativo che affronta un problema serio e finora irrisolvibile: l'impunità dei dittatori e dei cleptocrati in Russia e nel mondo. Ciò che fa in termini molto semplici è che congela i beni e vieta il visti di persone che commettono gravi violazioni dei diritti umani. Gli Stati Uniti hanno approvato un Magnitsky Act, il Canada ha approvato un Magnitsky Act, il Regno Unito ha approvato un Magnitsky Act ma l'Europa no. E quindi se hai qualcuno come Putin o il suo regime fare cose terribili e gli Stati Uniti, il Canada e il Regno Unito sanzionano quegli individui e l'Europa no, allora l'Europa diventa effettivamente un rifugio per questi cattivi attori".

Browder ritiene che un Magnitsky Act dell'UE potrebbe aiutare a contenere l'influenza russa in Europa. Cita una presunta ingerenza russa nella politica dell'UE, anche durante il referendum sulla Brexit e l'hacking delle e-mail del presidente francese nel 2017.

L'Europa sta elaborando il proprio regime di sanzioni. Un processo reso più significativo dal presunto avvelenamento del personaggio dell'opposizione russa Alexei Navalny con un agente nervino dell'era sovietica.

Josep Borrell, capo della politica estera dell'UE, ribadisce che attualmente sono in fase di elaborazione atti legali. "Spero che quanto è accaduto con il signor Navalny rappresenterà un incoraggiamento per gli Stati membri a smettere di discutere e iniziare ad agire e ad approvare questo regime di sanzioni per i diritti umani che potrebbe essere nello stesso modo in cui gli americani chiamano il Magnitsky, potremmo chiamarlo il nostro regime di sanzioni navali".

I tre membri baltici dell'UE - Estonia, Lettonia e Lituania - hanno tutti le proprie disposizioni Magnitsky. Quindi la pressione ora è sugli altri paesi membri affinché prendano posizione.