ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spagna, il Covid-19 cambia le abitudini: la rivoluzione del mercato immobiliare

euronews_icons_loading
Spagna, il Covid-19 cambia le abitudini: la rivoluzione del mercato immobiliare
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Sergio e Adriana sono contenti della loro nuova casa alla periferia di Madrid. Hanno lasciato il loro appartamento nel centro della capitale e si sono trasferiti a una ventina di chilometri dalla città. Ora hanno un giardino, una piscina e uno spazio maggiore per vivere la loro quotidianità. È stato il Covid-19 a guidare il cambiamento.

"Con l'isolamento - dice Adriana Pascual - abbiamo sentito che il nostro appartamento era troppo piccolo e che eravamo un po' in clausura. Così abbiamo iniziato a cercare a giugno e in 15 giorni abbiamo trovato proprio quello che volevamo".

Il loro non è un caso unico. Secondo uno studio di Idealista, principale marketplace immobiliare del sud Europa, negli ultimi sei mesi - a Madrid - c'è stato un aumento di interesse per case unifamiliari pari al 18%. Ma - sempre dal team del sito immobiliare - prevedono che non ci sarà un calo dei prezzi nelle grandi città per due motivi.

"In primo luogo, perché la domanda è molto alta - spiega Francisco Iñareta di Idealista - e in secondo luogo, perché le aspettative di una rapida ripresa economica sono altrettanto alte, soprattutto per gli aiuti dall'Europa e per le condizioni favorevoli della Banca Centrale Europea sui tassi di interesse".

D'altra parte, la pandemia ha inferto un duro colpo anche ai proprietari di case in affitto. La federazione del settore, in Spagna, stima che le perdite possano assestarsi attorno ai 4 miliardi e mezzo di euro. Inoltre, afferma che l'occupazione è calata di quasi la metà durante l'estate. Lola Martin, proprietaria di alloggi da affittare, ha solo due alternative, data la mancanza di turisti e il calo dei prezzi: "Se si affitta a medio termine, e si pagano molte tasse e il prezzo è sceso, il profitto è molto basso. Nel lungo soggiorno puoi detrarre il 60% ma, magari, passi cinque anni con qualcuno in casa a un prezzo molto basso".

Situazioni complesse causate da una pandemia imprevedibile, come sottolinea Carlos Marlasca per Euronews: "Il coronavirus sta provocando cambi importanti nel mercato immobiliare: i trasferimenti che si verificano a Madrid si stanno ripetendo in tutto il mondo in città come New York, Parigi e Londra, per chi se lo può permettere".