ULTIM'ORA
This content is not available in your region

De-escalation nel Mediterraneo orientale: Ankara richiama la nave esplorativa

euronews_icons_loading
De-escalation nel Mediterraneo orientale: Ankara richiama la nave esplorativa
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

La nave esplorativa turca Oruc Reis ha lasciato la piattaforma continentale greca e fatto ritorno sabato al porto di Antalya. Ankara ha anche ritirato l'allerta navale relativa alle esplorazioni sismiche in mare, in una mossa che sembra avviare una de-escalation nel Mediterraneo orientale dopo settimane di tensione.

Euronews
La nave esplorativa Oruç Reis rientra nel porto di AntalyaEuronews

Un mese fa la nave, impegnata in ricerche di risorse naturali, era entrata in una zona contesa con Atene, rivendicando il proprio diritto di sfrutamento delle risorse naturali al largo Repubblica Turca di Cipro del Nord.

Soddisfazione della Grecia

Il presidente greco Kyriakos Mitsotakis ha espresso soddisfazione per una svolta che sembra preludere al dialogo.

Euronews
Il premier greco Kyriakos MitsotakisEuronews

"Finché la Turchia mostra una seria volontà di de-escalation - ha dichiarato - sarò il primo a volermi sedere al tavolo dei negoziati. Prima a un livello di esplorazioni, poi su misure di reciproca fiducia, in modo che potremo lasciarci alle spalle questo periodo di tensioni, di cui penso nessuno possa beneficiare. Solo il dialogo, in assoluta buona fede e senza provocazioni, è la soluzione per l'unica questione di attrito con la Turchia, che è la definizione della nostra giurisdizione marittima".

Ankara abbassa i toni

Con il rientro della nave esplorativa ad Antalya e dopo l'intervento del segretario di Stato americano Mike Pompeo da Nicosia, Ankara sembra voler abbassare i toni. Il ministro della Difesa, Hulusi Akar, che fino a due giorni fa consigliava ai greci il silenzio per non essere divorati, domenica ha cambiato del tutto registro.

"La volontà del Paese è di pace, dialogo e di relazioni di buon vicinato - ha dichiarato - finché le sue richieste saranno ascoltate".

Akar ha parlato da Kas. Ad appena due chilometri dalla costa turca, la presidente della Repubblica greca Katerina Sakellaropoulou commemorava il 77/o anniversario della liberazione dell'isola di Kastelorìzo. "Un'isola di confine - ha detto la presidente - che è parte preziosa della Grecia. E ha sottolineato che il Paese non abbasserà la testa di fronte alle provocazioni turche.