ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bielorussia, muore un altro manifestante: dura condanna dell'Onu

Manifestanti protestano contro il risultato delle elezioni a Minsk, 12 agosto
Manifestanti protestano contro il risultato delle elezioni a Minsk, 12 agosto   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Le Nazioni Unite hanno condannato la violenta repressione contro i manifestanti in Bielorussia, mentre le autorità riferiscono di altre centinaia di arresti all'alba della quarta notte dell'ondata di proteste innescate dalla contestata rielezione del presidente Lukashenko.

Il ministero degli Interni bielorusso ha riferito di almeno 700 persone arrestate nella giornata di mercoledì: il totale degli arresti dal voto di domenica sale così ad almeno 6.700, con centinaia di feriti negli scontri di piazza.

I funzionari hanno confermato mercoledì sera che un secondo manifestante è morto nei disordini dopo il voto di domenica.

Mercoledì l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha esortato le autorità bielorusse a rilasciare immediatamente tutte le persone detenute illegalmente e a indagare su eventuali abusi.

I manifestanti contestano i risultati ufficiali delle elezioni, che hanno consegnato ad Alexander Lukashenko un sesto mandato con l'80% dei voti, mentre il solo il 10% è andato al principale sfidante dell'opposizione. La folla è scesa in piazza ogni sera da allora per chiedere un riconteggio.

Paura per il destino dei detenuti

Anche il conteggio ufficiale dei detenuti sembra sminuire la portata della repressione. Cittadini angosciati hanno assediato le carceri di tutta la Bielorussia sperando di trovare i loro parenti scomparsi.

"Anche i simpatizzanti hanno visto il vero volto di questo governo negli ultimi tre giorni", ha detto Galina Vitushko, 63 anni, che si trovava fuori da un carcere di Minsk in cerca di suo figlio, un medico di 43 anni, che secondo la madre ha un disperato bisogno di assumere insulina per via del diabete.

"Come si può trattare la propria gente in questo modo?", ha chiesto la donna, scoppiando a piangere. "I veri vincitori non si comportano così".

La brutalità della polizia

Nelle ultime notti, le autorità hanno risposto con un livello di brutalità che ha raggiunto livelli inediti anche per il duro governo di Lukashenko. La polizia ha disperso i manifestanti con gas lacrimogeni, granate stordenti, cannoni ad acqua e proiettili di gomma e li ha duramente picchiati con i manganelli.

Agenti hanno inseguito i manifestanti negli edifici residenziali e hanno deliberatamente preso di mira i giornalisti, picchiandone molti e rompendo le loro telecamere.

In diverse zone di Minsk, mercoledì sera, gruppi di centinaia di persone hanno formato catene umane. Un giornalista dell'AFP ha assistito allo scioglimento di una di queste nel nord-est della capitale, con i manifestanti picchiati dalla polizia.

Altrove, gli automobilisti hanno suonato i clacson a sostegno e, in alcune zone, hanno rallentato fino a bloccare i veicoli della polizia. In alcuni viali, i residenti erano affacciati ai balconi, applaudendo in sostegno alla protesta: perfino contro di loro, i reparti anti-sommossa hanno sparato proiettili di gomma.

Proteste simili si sono svolte in almeno altre cinque città, secondo il gruppo per i diritti umani Viasna.

All'inizio della giornata, gruppi di centinaia di donne hanno formato catene umane in diversi quartieri di Minsk, cantando "Vergogna!" e chiedendo la fine della repressione del dissenso. La polizia le ha disperse senza ricorrere alla violenza.

Morte di un secondo manifestante

Il secondo manifestante deceduto, la cui morte in circostanze violente è stata confermata da un comunicato del Comitato investigativo bielorusso, aveva 25 anni.

Il decesso è avvenuto in un ospedale di Gomel, nel sud-est del Paese, dove il giovane era stato arrestato domenica durante una "manifestazione non autorizzata".

Il comunicato non specifica la data di morte, ma afferma che la salute dell'uomo "è peggiorata improvvisamente" mentre era in stato di detenzione.

Gli scontri hanno anche lasciato un morto a Minsk e la polizia ha ammesso di aver aperto il fuoco a Brest, nel sud-ovest vicino al confine con la Polonia, lasciando a terra un ferito.

Lukashenko incolpa i disoccupati

Il 65enne Lukashenko ha guidato l'ex stato sovietico dal 1994, soffocando inesorabilmente il dissenso e conquistando il soprannome di "ultimo dittatore d'Europa".

Quest'anno, i danni economici causati dal coronavirus e la risposta spavalda del presidente alla pandemia, che egli ha definito "psicosi", hanno alimentato una sorda rabbia nei suoi confronti, contribuendo ad ingrossare i ranghi dell'opposizione.

"Il nucleo di questi cosiddetti manifestanti è composto da disoccupati e da persone con un passato criminale", ha detto Lukashenko mercoledì, durante un incontro con i funzionari della sicurezza.

La sua principale sfidante, un ex insegnante di 37 anni e novizia politica Sviatlana Tsikhanouskaya, è riuscita a riunire la disarticolata galassia dell'opposizione e ad attirare decine di migliaia di persone ai raduni della sua campagna elettorale dopo che due potenziali sfidanti sono stati esclusi dalla gara. Si è iscritta alla corsa per sostituire il marito, un blogger d'opposizione che aspirava a correre ma che è in carcere da maggio.

Martedì, in un brusco dietrofront, Tsikhanouskaya è partita per la vicina Lituania, poche ore dopo aver presentato una richiesta formale di riconteggio. In un video registrato prima della partenza, che i suoi soci hanno detto essere stato filmato sotto la pressione delle forze dell'ordine, ha esortato i suoi sostenitori a porre fine alle proteste.

I manifestanti non hanno comunque ascoltato la sua richiesta, e Maria Kolesnikova, una figura di spicco della campagna di Tsikhanouskaya, ha esortato il governo mercoledì a "smettere di fare la guerra contro il suo stesso popolo e iniziare un dialogo".

Giornalisti bersagliati

I giornalisti, in particolare, sono stati presi di mira dalla stretta repressiva. Boris Goretsky, vice presidente dell'Associazione bielorussa dei giornalisti, ha detto che più di 20 suoi colleghi sono attualmente in custodia, ancora in attesa di vedere un giudice, e molti altri sono già stati condannati a pene detentive dai 10 ai 15 giorni.

"È iniziata una caccia deliberata ai giornalisti dei media indipendenti bielorussi e stranieri", ha detto Goretsky.

I reporter di diversi media bielorussi e internazionali sono stati picchiati martedì a Minsk. A un gruppo di fotografi - una delle quali dell'Associated Press - gli agenti hanno sequestrato le schede di memoria.

Mercoledì, Vital Tsyhankou, giornalista di Radio Free Europe/Radio Liberty, è stato gravemente picchiato dalla polizia e detenuto insieme a due reporter di una stazione televisiva indipendente bielorussa dopo la cronaca di una protesta contro la violenza della polizia.

Il gruppo per i diritti umani Viasna ha riferito che molti manifestanti feriti hanno paura di chiedere assistenza medica, temendo di essere perseguiti per aver partecipato ai raduni.

Eduard Kukhterin, un editore di 56 anni, è stato ferito da proiettili di gomma durante la notte, ma ha deciso di non andare in ospedale. "Gli operatori sanitari denunciano tali lesioni alle forze dell'ordine", ha detto Kukhterin all'AP.

Condanna internazionale

La repressione ha suscitato dure critiche dall'estero.

Parlando durante un viaggio in Repubblica Ceca, mercoledì, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha detto che il voto bielorusso non è stato né libero né equo. "Vogliamo che il popolo bielorusso abbia le libertà che chiede", ha detto.

I ministri degli Esteri dell'Unione Europea hanno programmato un incontro venerdì per discutere della repressione in corso.

Il responsabile della politica estera per l'Unione europea Josep Borrell ha convocato l'incontro un giorno dopo aver detto che il blocco delle 27 nazioni potrebbe imporre sanzioni contro "i responsabili delle violenze osservate, degli arresti ingiustificati e della falsificazione dei risultati elettorali".

Nel 2016, dopo la liberazione dei prigionieri politici da parte di Lukashenko, l'Unione Europea ha revocato la maggior parte delle sanzioni imposte alla Bielorussia.