ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bielorussia, in alcuni seggi "affluenza superiore al 100%". Cosa succede ora?

euronews_icons_loading
Bielorussia, in alcuni seggi "affluenza superiore al 100%". Cosa succede ora?
Diritti d'autore  Sergei Grits/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

"Pecore, controllate dall'estero".

Così il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, appena rieletto per la sesta volta al timone dell'ex repubblica sovietica, ha definito i manifestanti scesi in piazza a migliaia per dire no ad un altro mandato dell'"ultimo dittatore d'Europa".

La sua principale rivale Svetlana Tikhanovskaya, che ha ottenuto meno del 10% delle preferenze, ha deciso di riparare in Lituania, dove ora è al sicuro.

I numeri raccolti dai gruppi di monitoraggio indipendenti dipingono un quadro molto diverso rispetto alle cifre ufficiali.

Il progetto Honest Elections ha ottenuto le foto dei protocolli finali da 126 seggi: Tikhanovskaya è la vincitrice in 85 di questi.

Come ha affermato il coordinatore del gruppo, Uladzimir Stashkevich, la candidata dell'opposizione ha ottenuto più del 90% dei voti in alcune circoscrizioni.

La raccolta di dati dai seggi elettorali si è rivelata un compito particolarmente difficile dato che per il secondo giorno di fila, Internet praticamente non funziona in Bielorussia. "C'è un blocco dell'informazione nel paese, devi chiamare gli osservatori manualmente", dice Stashkevich a _Euronews. _

Ma le autorità respingono ogni accusa e affermano che Internet è stato tagliato dall'estero. "Qualcuno ha voglia di scendere in strada. Dall'estero, si spegne Internet per creare malcontento tra la popolazione. Ora i nostri esperti stanno cercando di capire da dove viene questo blocco. Se Internet non funziona bene, non si tratta di una nostra iniziativa", ha detto Alexander Lukashenko.

Affluenza superiore al 100%?

"Molti presidenti di commissioni di distretto si sono rifiutati di manipolare le elezioni. Si tratta di un fatto unico, una prima volta nella Bielorussia moderna", afferma Maria Kolesnikova, a capo della campagna del candidato non registrato Viktor Babariko.

Secondo Kolesnikova, durante le votazioni si sono registrate circa 5mila violazioni. In alcuni seggi, riportano gli osservatori, "l'affluenza alle urne è stata superiore al 100%".

"Conteggio più opaco che mai"

"Una parte significativa della società non si fida dei risultati: le autorità hanno portato a termine l'intera campagna elettorale in modo brutale, il conteggio dei voti è stato più opaco che mai, e quindi molte persone - principalmente sostenitori del cambiamento, coloro che hanno votato per Svetlana Tikhanovskaya - non credono a questi risultati", afferma il politologo bielorusso Alexander Klaskovsky.

Subito dopo l'annuncio dei risultati fornito dagli exit poll ufficiali, nel Paese sono scoppiate le proteste.

Le forze di sicurezza hanno utilizzato attrezzature speciali e granate sonore contro i manifestanti. Sono stati segnalati spari con proiettili di gomma. Secondo Lukashenko, i manifestanti avrebbero preso d'assalto il Palazzo dell'Indipendenza, dove si trova la sua residenza.

"Uccisa la sociologia indipendente"

Secondo il politologo Klaskovsky, Lukashenko seguirà la strada del "rafforzamento dello stato di polizia".

Ci sarà un repulisti del settore dei media indipendenti e un'ulteriore repressione contro la società civile.

"Questa è una vittoria di Pirro. Rimarrà un profondo conflitto nella società, il malcontento non se ne andrà. Lukashenko non vuole attuare le riforme attese da tempo, per la trasformazione della società bielorussa, perché teme che potrebbe minare il suo regime".

Solo poche organizzazioni accreditate sono autorizzate a condurre indagini sociologiche in Bielorussia. Secondo il politologo "la sociologia indipendente in Bielorussia è stata uccisa" ed è impossibile capire quante persone abbiano effettivamente sostenuto l'opposizione.

Una rimonta impossibile?

"Ma la scorsa primavera, i risultati di un sondaggio condotto dall'Istituto di sociologia dell'Accademia nazionale delle scienze sono stati resi casualmente noti.

Dicevano che il livello di fiducia in Lukashenko, almeno a Minsk, nella capitale, era del 24%. "Alle urne solitamente si ottengono percentuali inferiori ai livelli di fiducia [dei sondaggi], mentre stavolta negli ultimi mesi il leader al potere ha aumentato il suo consenso esponenzialmente - è una cosa incredibile, non succede", continua Klaskovsky.

Secondo l'esperto, se non ci fossero stati brogli, ci sarebbe stato un secondo turno di presidenziali. Cosa ovviamente non gradita a Lukashenko.

Cosa rischiano i manifestanti

Lunedì si è appreso che la commissione investigativa ha aperto procedimenti penali sulle sommosse di piazza. Secondo il codice penale della Bielorussia, per questi reati i detenuti possono essere condannati ad un periodo di reclusione compreso tra 8 e 15 anni.

"Le autorità stanno cercando di instillare la paura in modo che la gente non scenda più in piazza", ritiene Klaskovsky.

Lukashenko insiste sul fatto che le azioni di protesta vengono organizzate dall'estero e ripete che non permetterà un altro "Maidan", riferendosi a quanto accaduto in Ucraina tra il 2013 e il 2014.

Secondo il presidente, nell'ultimo giorno, "circa 25 poliziotti antisommossa sono rimasti feriti. Ci sono braccia e gambe rotte. Hanno deliberatamente picchiato questi ragazzi di proposito. La risposta sarà adeguata. Non lo permetteremo".

Klaskovsky è sicuro che in futuro saranno poche le opportunità di protesta perché non il dissenso non viene tollerato. "Il problema è che il regime autoritario in Bielorussia sembra molto consolidato, la [piramide gerarchica] svolge obbedientemente le sue funzioni, i funzionari della sicurezza sono ovviamente ben addestrati, equipaggiati e fedeli al leader ufficiale. La forza bruta consentirà a Lukashenko di mantenere lo status quo".

Il candidato non ammesso in esilio: "Lukashenko ha sputato sulla faccia dei bielorussi"

Il candidato non ammesso alla presidenziali, Valery Tsepkalo, imprenditore ed ex ambasciatore negli Stati Uniti, fuggito in Russia con i suoi figli per timore di essere arrestato, ha detto ad Euronews che Lukashenko "ha dichiarato guerra al suo popolo".

"Non riconosce la volontà delle persone. Ha pianificato la presa di potere con la forza, si è preparato per tutto questo, ha preparato le truppe. Si tratta di una mostruosa falsificazione, ha sputato ancora una volta sulla faccia della società bielorussa, ma questa volta i bielorussi si sono opposti, si sentono offesi, umiliati", le parole di Tsepkalo. "Non possono semplicemente pulirsi il volto dallo sputo, come Lukashenko vorrebbe che facessero. Sono scesi in piazza per difendere la loro dignità",